Sospensione Ecofficina da Confcooperative. Le ragioni: "Il modello è l'accoglienza diffusa"

"Un modello di accoglienza che guarda soprattutto al business e non alla qualità dell'intervento". Le motivazioni della sospensione di Ecofficina, avvenuta a metà luglio

Ne sono convinte Confcooperative e Federsolidarietà Veneto (che in Confcooperative è l'organo di rappresentanza politico sindacale del sociale): "Il miglior modello di gestione dell'emergenza profughi nelle nostre città è quello della cosiddetta accoglienza diffusa". Un leit-motiv che entrambi gli organismi associativi da mesi portano avanti, e sul quale si confrontano con le istituzioni preposte, Prefettura da una parte, sindaci dall'altra. Oggi ancora di più, visto il caso eclatante di Ecofficina, cooperativa iscritta a Confcooperative Federsolidarietà del Veneto, ma sospesa a metà luglio dietro loro iniziativa e con atto ufficiale del Consiglio di presidenza nazionale. Ecofficina ora gestisce l'accoglienza di centinaia di migranti nelle ex basi militari di Bagnoli di Sopra (Padova), Cona (Venezia) e Oderzo (Treviso) e fino a poco tempo fa anche l'ex caserma Prandina di Padova.

LA PRESA DI POSIZIONE DI CONFCOOPERATIVE. Una presa di posizione che Confcooperative ha voluto per difendere il nome e l'operato della stessa associazione, in attesa del giudizio che un tribunale emetterà nei confronti dei vertici di Ecofficina, la cooperativa che a Padova gestisce la maggior parte dei profughi nella struttura, ora chiusa, dell'ex caserma Prandina a Padova e in quella di Bagnoli. Ma anche per chiarire come deve essere l'accoglienza dei profughi secondo l'associazione: una micro accoglienza diffusa nel territorio, proprio per favorire l'integrazione dei profughi, evitando le concentrazioni di denaro proveniente dai bandi nazionali in poche mani e gli agglomerati di persone che creano solo tensioni.

LE RAGIONI DELLA SOSPENSIONE. "Non c’è una legge che impedisce di accogliere e gestire centinaia di profughi in una stessa struttura - spiega Ugo Campagnaro, presidente di Confcooperative Veneto - ma è un sistema che non risponde a logiche di buona accoglienza. Per questo non condividiamo questo modello, che guarda soprattutto al business e non alla qualità dell’intervento, dell’integrazione, della relazione. Vogliamo prendere le distanze da questa cooperativa e dal modello che propone". Per questo, oltre a sospendere Ecofficina, Confcooperative Veneto ha deciso di non ricevere più quote associative dalla stessa, di non farla partecipare alla vita associativa, l'ha diffidata dall'utilizzare il marchio Confcooperative e sta attuando una minuziosa revisione delle carte relative ad Ecofficina.

LA "CARTA PER LA BUONA ACCOGLIENZA". Del resto questa presa di posizione corrisponde a quanto si sta definendo a livello nazionale. A maggio scorso è stata infatti firmata a Roma la "Carta per la buona accoglienza", un documento sottoscritto da Ministero dell’Interno, Anci e Alleanza delle cooperative sociali. Obiettivo primario verso cui si impegnano i firmatari della Carta è di passare gradualmente dall’accoglienza in centri collettivi a percorsi di accoglienza in abitazione, con standard di qualità che garantiscano servizi adeguati: dalle caratteristiche delle stesse abitazioni alla presenza di personale socio educativo qualificato in ogni fase dell’accoglienza. L’adeguamento alle politiche dello Sprar deve concretizzarsi anche attraverso la realizzazione di percorsi di mediazione culturale, corsi di italiano, tutela legale, garanzia di pasti, vestiario, igiene personale, formazione professionale e azioni costanti di coinvolgimento dei territori che accolgono i migranti, con un lavoro congiunto di Comuni e Prefetture.

FEDERSOLIDARIETÀ. Così Roberto Baldo presidente veneto di Federsolidarietà: "Grazie al lavoro di Ministero, Federazione e Anci, vengono definite delle linee di comportamento unitarie che ricalcano il modello dello Sprar, quindi di un’accoglienza all’insegna dell’integrazione e del sostegno. Finalmente si esce dall’equivoco e dalla zona grigia in cui ognuno faceva accoglienza a modo proprio. Ora ci auguriamo che le Prefetture inizino ad usare una modalità coordinata di risposta all’emergenza. Ne stanno riflettendo a livello nazionale sia Fassino come Presidente dell'Anci, sia Alfano come ministro dell'Interno. Stanno cioè ragionando sull'accoglienza diffusa, e in particolare sulla definizione di un numero massimo di profughi che i comuni possono ospitare in base al numero di abitanti. Questa è la strada da percorrere, non ce ne sono altre".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli aggiornamenti sul contagio in Veneto e in provincia la sera dell'1 aprile

  • I contagi e i pazienti coronavirus aggiornati a domenica sera

  • I dati aggiornati sui casi di coronavirus in provincia e nel Veneto

  • Ricoveri e decessi: gli aggiornamenti del 31 marzo sera

  • Pazienti ricoverati e tamponi positivi al coronavirus domenica

  • Ricoveri e decessi, gli aggiornamenti di oggi

Torna su
VeneziaToday è in caricamento