menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancora incredulità per la morte di Riccardo: "Ci vediamo più tardi, ma non ci credo ancora"

Molti i messaggi di cordoglio di amici e conoscenti del 19enne di Chioggia morto domenica dopo essersi tuffato da un barchino con gli amici, durante una gita fuori porta

Riposa in pace campione. Una tragedia che continua a lasciare senza parole la morte di Riccardo Bellemo, il 19enne di Chioggia che ha perso la vita domenica, dopo essersi tuffato da un barchino in compagnia degli amici durante una gita fuori porta. I giovani che erano con lui sono riemersi, lui no, trascinato via dalla corrente. Con un epilogo fatale.

Il cordoglio. "Sono sconvolto e senza parole, ti ricorderò come un piccolo e formidabile cadetto”, si legge tra i vari messaggi pubblicati sul suo profilo facebook. Riccardo praticava kickboxing sin da piccolo a livello agonistico, come testimoniano alcuni scatti che lo ritraggono "in azione" e con diversi trofei di categoria. “Ma io non ci credo ancora”, “Mi manchi tanto”, “Ci vediamo più tardi campione”, sono solo alcuni post lasciati nella bacheca del 19enne, per una commozione ed una tristezza che a distanza di sole 24 ore dalla morte non possono che essere forti tra amici, parenti e conoscenti. Tanta incredulità mista a rammarico, per l'ennesima morte di un giovanissimo. Tanti anche i compagni ed avversari sul "tappeto" che hanno voluto lasciare un ricordo da tutto il mondo. "È davvero tristissimo sapere che un ragazzo così giovane e talentuoso ci abbia lasciato", e ancora "la tua morte ci lascia davvero tristi. Riposa in pace, amico".

Un triste epilogo. Doveva essere un giro in barca spensierato, una gita fuori porta. Dopo aver raggiunto un pontone con gli amici, sarebbe scattato il tuffo fatale. Il 19enne non sarebbe riemerso in superficie e gli amici avrebbero lanciato l'allarme. Subito è stato fatto alzare in volo l'elicottero dei vigili del fuoco, in modo da avere una visione dall'alto dell'area. Dopodiché l'infausto epilogo. Sul posto si sono portati anche i sommozzatori dei pompieri e una motovedetta della capitaneria di porto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento