Violazioni alle restrizioni per coronavirus aumentate nell'ultima settimana

I dati del ministero dell'Interno. Dal 10 marzo al 10 aprile oltre 260 mila persone controllate in regione, più di 6 mila le denunce. Nel Veneziano quasi 57 mila verifiche e 1300 multe

Controlli sulle strade, archivio

Dall'11 marzo al 10 aprile sono state controllate dalle forze dell'ordine (carabinieri, polizia di Stato e guardia di finanza) oltre 260 mila persone in Veneto, in relazione alle restrizioni in materia di circolazione, finalizzate a contrastare la diffusione del coronavirus . Lo dicono i dati aggiornati del ministero dell'Interno. Le persone sanzionate sono state 6117, oltre seimila anche quelle denunciate, sia per dichiarazioni non rispondenti al vero che per aver violato la quarantena, in caso di positività al coronavirus con obbligo di isolamento. Quasi 186 mila gli esercizi commerciali verificati, 115 quelli sanzionati e 149 i denunciati. Ventuno quelli chiusi.

Schermata 2020-04-10 alle 15.14.08-2

Veneziano

Passando da regione a provincia, nel Veneziano i controlli alle persone, nello stesso arco di tempo, sono stati 56.662 che hanno portato a 1272 persone sanzionate e 1180 denunciate. Settantacinquemila e 771 gli esercizi commerciali verificati, 45 quelli sanzionati o denunciati. Il sottosegretario all'Interno Achille Variati, intervenuto in videoconferenza oggi, venerdì 10 aprile, ha ricordato il 168esimo anniversario della polizia di Stato, ringraziando uomini e donne in prima linea anche in questa emergenza.

L'aumento

Sul piano nazionale, ha ricordato Variati, dal 28 marzo al 3 aprile, sono stati fatti tre milioni e mezzo controlli, comminate 121 mila sanzioni, oltre 1200 le denunce scattate per false attestazioni; 370 le persone in quarantena che erano in strada. In Veneto, in questa ultima settimana, sono aumentate le persone sanzionate: dal 10 marzo ai primi aprile erano al 4,68% di quelle controllate, nell'ultima settimana il valore è cresciuto di un punto percentuale, sia per il maggior numero di persone trovate fuori posto, sia in termini di denunce per inosservanza della quarantena di chi è risultato positivo al virus. Le province più interessate in questo caso sono Padova e Vicenza. Nel fine settimana pasquale i controlli delle forze dell'ordine sono stati rafforzati, anche allo scopo di prevenire gli spostamenti verso le seconde case.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Schermata 2020-04-10 alle 15.13.42-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Tutte le Municipalità al centrodestra tranne Venezia: chi sono i nuovi presidenti

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento