rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Corpus Domini, Patriarca Moraglia: "L'eucarestia è forza"

Ricordando che "la prima preoccupazione del buon padre di famiglia è dare il cibo ai propri figli, perché il nutrimento é sinonimo di vita" mons. Moraglia ha citato la vicenda del profeta Elia

"L'uomo da solo viene meno e abbandonato alle sue sole forze è condannato. E' l'Eucaristia che dona la forza per poter andare avanti". Il Patriarca di Venezia mons. Francesco Moraglia lo ha ricordato oggi nel corso della celebrazione del Corpus Domini in Basilica San Marco a Venezia. "L'Eucaristia - ha proseguito - é stata donata sotto forma di pane ma avrebbe potuto anche non essere così; pane, ossia nutrimento, cibo spirituale e 'spirituale' non è sinonimo di irreale, non significa qualcosa di "non vero" ma piuttosto qualcosa che riguarda la parte più profonda del nostro essere personale". E' da questo concetto che l'alto prelato coglie l'occasione per indicare che esiste "il rischio sempre ricorrente, di fermarsi all'aspetto esteriore, alla materialità del simbolo, come se si trattasse di un comune pane e così tutto si esaurisce in un semplice mangiare dei pani oppure in un vuoto 'simbolismo', 'irreale' e così non cogliere la realtà vera e realissima consegnata al segno".

Ricordando che "la prima preoccupazione del buon padre di famiglia è dare il cibo ai propri figli, perché il nutrimento é sinonimo di vita" mons. Moraglia ha citato la vicenda del profeta Elia che "in fuga, ricercato a morte, stanco e stremato viene invitato a nutrirsi di una focaccia di farina, un cibo che gli permetterà di raggiungere la meta, l'Oreb, il monte dove Dio aveva incontrato Mosé e il popolo". "L'Eucaristia ci appare come cibo o nutrimento - ha aggiunto il Patriarca - che é donato e che accompagna lungo il pellegrinaggio terreno verso la meta". Un pellegrinaggio simboleggiato dalla processione che ha fatto seguito alla Messa, un cammino che per mons. Moraglia esprime "in modo simbolico e reale la vita del cristiano che cammina verso la meta con il suo Signore e guardando a Lui". La processione, infine, per il Patriarca di Venezia, rappresenta l'espressione "di una grande, pubblica e comunitaria testimonianza di fede, un annuncio di fede, una vera evangelizzazione".
(ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corpus Domini, Patriarca Moraglia: "L'eucarestia è forza"

VeneziaToday è in caricamento