"Ancora niente aiuti", corteo di barche per protesta sul Naviglio

Sabato mattina iniziativa per chiedere iniziative concrete. Appuntamento a villa Bembo. Si chiede anche lo sconto dell'Iva sulle ristrutturazioni

Dopo l'ufficializzazione della costituzione di un'associazione che raggruppa le famiglie colpite dal tornado (DETTAGLI), arriva anche una manifestazione in Riviera del Brenta. Ad organizzarla è il comitato "Pro Riviera", che sabato mattina ha dato appuntamento a quanti hanno a cuore le sorti della zone di Dolo, Mira e Cazzago di Pianiga devastate dalla tromba d'aria dell'8 luglio scorso per protestare per la mancanza di aiuti da parte dello Stato. A un mese esatto dal tragico evento atmosferico (che ha causato anche una vittima a Porto Menai) le critiche alle tempistiche "romane" si affastellano l'una sull'altra.

Basta transitare davanti a Villa Fini, dove in questi giorni campeggiano diversi striscioni che in primis sottolineano l'operosità di un Veneto che subito si è dato da fare per rialzarsi e in secondo luogo invitano il premier Matteo Renzi ad arrivare in Riviera solo con risposte concrete. "Siamo sereni ma non scemi", sarà uno degli slogan dell'iniziativa, che inizierà sabato mattina all'altezza di villa Bembo. Una delle venti dimore storiche danneggiate dal tornado. Fin dall'inizio il presidente dell'associazione culturale che si occupa di prendersi cura dell'immobile, Ennio Caggiano aveva già chiesto aiuti concreti per la ricostruzione. Anche per quanto riguarda le dimore storiche, le quali potranno contare su un filone di stanziamenti indipendente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fatto sta che poco o nulla si è mosso: per questo i manifestanti, tra cui alcuni indipendentisti come l'ex candidato alla Regione Alessio Morosin, sfileranno con delle imbarcazioni lungo il Naviglio del Brenta, chiedendo anche l'abolizione dell'Iva sui costi delle ristrutturazioni. Per poi arrivare a villa Bembo e lasciare cadere in acqua dei manichini. A simboleggiare come il Governo non solo non stia aiutando nessuno in questa fase, ma al contrario stia continuando a far "annegare" nelle difficoltà chi tenta di rialzarsi dopo aver ricevuto un colpo da ko. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento