menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ci hai sfruttate e abbandonate", lavoratrici della Tagli e Cuci in corteo a Cavarzere

Sono le ex dipendenti dell'azienda che ha operato licenziamenti di massa e non corrisposto stipendi arretrati. La vicenda è stata oggetto di un'interrogazione parlamentare

Si sono ritrovate alle 9.15 davanti alla sede della ditta "Taglia e cuci" di Cavarzere, per far sentire la propria voce. Si tratta delle dipendenti licenziate, 50 in tutto, a seguito dell'ennesimo fallimento di un'azienda controllata dalla AM Group srl. Dai cancelli della fabbrica è partito un corteo verso il municipio, per poi proseguire fino al mercato comunale, dove sono stati consegnati volantini ai passanti, per far conoscere ancor di più alla cittadinanza la propria situazione. Le lavoratrici chiedono chiarezza all'azienda, oltre al pagamento di tutti i salari non corrisposti.

Lavoratrici in corteo

“Vi ricordate di noi? - si legge in uno dei manifesti del corteo - Sei scappato con le tasche piene dei nostri sudori, finto imprenditore. Ci hai sfruttate, non pagate e poi abbandonate. I soldi si guadagnano, non si rubano. Vergognati”. Accuse chiare e dirette, che non lasciano spazio a fraintendimenti.

L'interrogazione parlamentare

Nella giornata di giovedì, intanto, la vicenda dell'azienda è stata oggetto di un'interrogazione parlamentare firmata dal deputato Michele Mognato (Articolo Uno Mdp) e sottoscritta anche da Delia Murer e Davide Zoggia. "Il sindacato di categoria ha più volte denunciato aspetti poco chiari - hanno scritto - e dubbi di legalità su un sistema fatto di continue aperture e chiusure aziendali, rilevando tempistiche sospette e percorsi fallimentari che provocano ricadute occupazionali negative e oneri a carico dell'Inps".

"La Taglia e Cuci Denim srl - proseguono i deputati - sarebbe solo l'ultima di una serie di società che si sono susseguite negli anni; la proprietà di queste aziende sarebbe in tutti i casi riconducibile alla «AM group srl» e in alcune situazioni alle medesime persone legate tra loro da un rapporto famigliare; alcune di queste utilizzavano lavoratrici in nero; a seguito delle richieste sindacali di incontro e chiarimento si sono verificate situazioni di tensione, licenziamenti e cessazione delle attività. Cinquanta lavoratrici sono state licenziate - specificano - Mentre i titolari continuerebbero nel loro percorso di chiusura e apertura delle attività; la guardia di finanza di Cavarzere e l'Inps di Venezia sono a conoscenza della situazione; il sindacato è intervenuto nei confronti del sindaco del Comune di Cavarzere e del presidente della Regione Veneto per richiedere un tavolo di confronto con la società".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Sport e attività motoria, cosa si può fare in Veneto: le Faq del Governo

  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento