Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tornado, la rabbia della Riviera marcia in statale: "Lo Stato dov'è?"

Alcune centinaia di persone sabato pomeriggio hanno mostrato tutto il proprio disappunto per l'assenza di aiuti da parte del Governo dopo il disastro dell'8 luglio scorso. Tanta gente comune, tra cartelli e slogan. Presenti alla marcia, organizzata dall'associazione Famiglie colpite dal Tornado, il sindaco di Mira, Alvise Maniero, i senatori della Lega Nord Paolo Tosato ed Erika Stefani, il deputato di Fare Emanuele Prataviera, i consiglieri regionali del Carroccio Alberto Semenzato e Gabriele Michieletto, un folto gruppo di indipendentisti veneti, l'attivista del comitato Opzione Zero Mattia Donadel. "Per ora gli unici soldi sono quelli arrivati dalla solidarietà dei cittadini - attacca Francesco Gislon, portavoce dell'associazione - Al momento dallo Stato non è arrivato nulla". Il corteo è stato aperto da un trattore, su cui si trovavano alcuni alberi distrutti dalla violenza della natura. "Lo Stato è stato di parola - ha affermato amaro il primo cittadino di Mira, Alvise Maniero - Lo Stato fin dal primo momento ci ha detto 'no'. Ed è proprio stato così". Le centinaia di residenti hanno marciato da località Cesare Musatti a Dolo fino alla rotatoria delle nuova Bretella Est dietro a un grande striscione con scritto: "Il tornado ha devastato. Il Governo ha dimenticato"

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento