menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coses: soluzioni entro il 30 aprile poi via ai licenziamenti, incontri febbrili

Si è tenuto oggi, ore 15, a Cà Farsetti, il confronto tra Comune, Cgil e i 14 dipendenti del consorzio veneziano per la ricerca che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro

Si è tenuto oggi pomeriggio alle ore 15, nella sede municipale di Cà Farsetti, un incontro tra le parti sociali coinvolte nella spinosa questione del Coses: il Comune, la Cgil e i 14 dipendenti del Consorzio veneziano per la ricerca e la formazione che rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. Si avvicina, infatti, il termine ultimo, 30 aprile 2012, per offrire delle soluzioni concrete, dopodiché i licenziamenti diventeranno reali a tutti gli effetti.

Il Coses era, in origine, un consorzio facente capo al Comune e alla Provincia di Venezia, creato allo scopo di condurre analisi, studi e progetti funzionali all'attività delle amministrazioni pubbliche. A luglio dello scorso anno, tuttavia, la gestione è rimasta di esclusiva competenza del Comune, che – lamenta la Cgil – non sarebbe stato in grado di valorizzarne l’attività, spesso fondamentale anche per le scelte di natura politica. Il risultato è stato che ora il Coses si trova in liquidazione e, delle molte ipotesi di ristrutturazione societaria avanzate, nessuna pare essere stata presa finora in effettiva considerazione.

Gli incontri di oggi con il Comune e di domani con la Provincia dovrebbero, allora, servire innanzitutto a trovare delle vie d’uscita capaci di offrire reali garanzie occupazionali per tutti i 14 ricercatori del Coses. Parte di essi potrebbero essere assorbiti dalla Provincia, mentre Ca' Farsetti ha già approvato un atto di indirizzo per la creazione di una fondazione (dunque di un ente di diritto privato), che possa assorbire il consorzio, mantenendone attive le funzioni. Malgrado le divergenze, i promotori dell’incontro vengono mossi da un obiettivo comune, trovare il modo di giungere a soluzioni condivise, capaci di accontentare tutte le parti sociali e i diversi interessi in gioco.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento