menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Dolo

L'ospedale di Dolo

Cosetta Fracca morta di anoressia a Fossò: alla fine pesava ventisei chili

La donna, 46 anni, si è spenta giovedì scorso all'ospedale di Dolo. La sua battaglia contro la bilancia era iniziata a 17 anni, per emulare le modelle magrissime che andavano per la maggiore

E' stata "consumata" dall'anoressia. Ventisei chili per un metro e settanta di altezza. Cosetta Fracca, che aveva vissuto la sua giovinezza a Lugo di Campagna Lupia ma da tempo era residente in via Provinciale sud a Fossò con il marito Raffaello Zavagnin, è morta giovedì scorso dopo decenni di battaglia con la bilancia. Come racconta La Nuova Venezia, la donna si è spenta a 46 anni nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Dolo.

Una delle malattie più subdole che esistano, l'anoressia. Una delle piaghe che portano le persone ad autodistruggersi, a perdere il controllo su se stessi. I fratelli raccontano a La Nuova Venezia che tutto è iniziato in giovane età. Cosetta, che già era magra di suo, a 17 anni aveva deciso di riuscire a "entrare" nella taglia 38. D'altronde era l'obiettivo di molte donne che come lei ammiravano le modelle magrissime che venivano esibite su riviste patinate e programmi tv. Da quel punto in poi è iniziata la guerra. Cosetta mangiava e poi vomitava. Nei periodi di crisi arrivava a pesare trenta chili, per poi ricorrere a cure specialistiche e risalire di peso.

Nel frattempo è arrivato il matrimonio col marito Raffaello, che assieme alla sua famiglia si è battuto aspramente in questi anni per aiutare la propria consorte. Sono seguite crisi e periodi di riabilitazione. Fino all'11 settembre scorso, quando la donna è svenuta ed è stata portata all'ospedale di Dolo. Pesava ventisei chili. Dopo un primo ricovero nel reparto di medicina generale è stata trasferita nel reparto di psichiatria, dove si è tentato di alimentarla artificialmente. Poi, però, i reni non hanno più risposto. All'inizio di questa settimana la situazione è precipitata. Fino al decesso di giovedì. Uno dietro l'altro gli organi di Cosetta avevano smesso di funzionare. L'anoressia ha vinto, rubando il futuro di una giovane donna.


I funerali di Cosetta Fracca saranno lunedì 1 ottobre alle 15 nella chiesa di San Pietro di Campagna Lupia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento