menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Costa Concordia (©TM News Infophoto)

La Costa Concordia (©TM News Infophoto)

La Costa Concordia lascia il Giglio L'idea dei cassoni arriva da Spinea

L'ingegner Mario Scaglioni e lo staff della "Spline" hanno progettato i cassoni fondamentali per consentire di trasferire a Genova la nave

Un’operazione senza precedenti, un capolavoro di ingegneria navale in grado di diventare un modello per moltissimi interventi futuri. Così tecnici e ingegneri impegnati nel recupero del relitto della Costa Concordia definiscono il progetto messo in atto negli ultimi due anni e mezzo per rendere nuovamente galleggiabile lo scafo, ruotarlo e poi condurre la nave a Genova per demolirla. Come riporta Il Gazzettino, moltissimi riflettori si sono accesi su questa mastodontica e sofisticatissima operazione, ma pochi sanno che tutto è frutto di calcoli e studi tecnici messi a punto a Spinea.

In prima linea c’è infatti la “Spline Scrl”, azienda di progettazione navale con sede proprio a Spinea in via I Maggio. Il presidente è un ingegnere marchigiano che ha iniziato a lavorare a Porto Marghera nei primi anni ’70, assieme a lui lavorano altri due esperti veneziani come Valter Cacco e Manlio De Rossi, assieme ai partner Enrico Ruschena e Simone Benvegnù. Il ruolo della Spline è stato fondamentale: tecnici e ingegneri di Spinea hanno infatti progettato e realizzato i trenta grandi cassoni che sono stati riempiti di aria compressa ed agganciati allo scafo della Concordia per renderla galleggiabile e permettere lo scorso settembre di ruotarla. Nei prossimi giorni, probabilmente lunedì o martedì, il relitto salperà dall’isola del Giglio verso l’area portuale di Genova; Scaglioni e i suoi saranno lì ad attenderla.

La nave da crociera capitanata da Francesco Schettino si è distrutta incagliandosi negli scogli davanti all’isola del Giglio nel gennaio 2012, poche settimane dopo Spline è stata coinvolta nell’operazione. “Già da 10 anni lavoriamo con l’azienda Micoperi di Ravenna, che segue l’intervento assieme al colosso americano Titan  – ha spiegato  parlando dalla “Control Room” della Concordia -. La nostra proposta è risultata vincente perché garantiva la possibilità di portare via la nave in un unico pezzo”. L’azienda di Spinea si è occupata di tutto, dalla progettazione strutturale allo studio dell’investimento. E ora, due anni e mezzo dopo, i tecnici veneziani coordinano l’ultima fase con grande orgoglio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento