menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Costa Victoria si è diretta verso il mar Tirreno

Escluse le opzioni di attraccare a Venezia o Trieste. Il governatore Zaia si era detto contrario per l'impossibilità di fornire cure adeguate a eventuali contagiati

La nave da crociera Costa Victoria, con 1.400 persone a bordo tra equipaggio e personale, ha oltrepassato lo stretto di Messina e sta attendendo un ok dalle autorità italiane per poter attraccare in uno dei porti del Tirreno. La compagnia ha spiegato di avere già escluso l'arrivo al porto di Venezia, dove avrebbe dovuto giungere originariamente il 28 marzo, e anche a Trieste, come seconda ipotesi. Ciò per non impattare su territori già fortemente colpiti dall'emergenza Coronavirus, e perché l'obiettivo è individuare anche un veloce collegamento aeroportuale.

I passeggeri della nave sono in gran parte di nazionalità australiana, nessuno è italiano. Ieri dalla Grecia si era appreso che una passeggera della Victoria, durante una sosta a Creta, era risultata positiva al Covid-19 ed è quindi stata ricoverata all'ospedale di Heraklion. In questi giorni il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha ribadito più volte la contrarietà ad eventuali attracchi di navi da crociera a Venezia. «Abbiamo dato la nostra totale indisponibilità - ha detto - perché, sapendo che a bordo ci sono 1.400 persone e non sapendo quanti siano contagiati, non possiamo garantire delle cure serie a gente che arrivi dall'esterno. Siamo in emergenza».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento