menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gara per adottare i 106 cuccioli salvati dalla tratta degli animali

I cani erano stipati in un furgone condotto da due ungheresi diretto a Barcellona. Centinaia le richieste di adozione. Tutte le informazioni

E' corsa di solidarietà per adottare i 106 cani salvati dal Corpo forestale di Trieste e di Portogruaro, dal Cites e dalla polizia stradale di San Donà. Si trovavano letteralmente stipati all'interno di un furgone diretto a Barcellona. I due conducenti, di nazionalità ungherese, sono stati denunciati per maltrattamenti. I cuccioli erano troppo piccoli per sopportare una traversata del genere.

Richieste di informazioni su come poter adottare gli animali, come riporta La Nuova Venezia, sono arrivate da tutta Italia (alcune anche alla nostra redazione). Per avere il via libera, bisognerà aspettare che il magistrato che sta seguendo le indagini dia il nulla osta. L'inchiesta è partita da Trieste, per cui i cuccioli si trovano in due centri specializzati del Friuli: il Rifugio del cane a Villotta di Chions, e al centro per il recupero della fauna a San Canzian d'Isonzo.

VIAGGIO D'INFERNO IN GABBIETTE TROPPO PICCOLE

Per informazioni quindi chiamare a Chions lo 0434630420 (specie per barboncini e chihuahua). Per le taglie più grandi, invece, chiamare a San Canzian lo 0481711574. Il sequestro degli animali all'altezza del casello di San Donà: il furgone su cui viaggiavano i due ungheresi denunciati era andato in panne, causando l'intervento "fatale" della polizia stradale. Dai centri di assistenza in cui si trovano i piccoli malcapitati (di poche settimane, alcuni con evidenti traumi forse per il viaggio) sottolineano come gestiscono durante l'estate molti altri cani che vengono abbandonati sulle strade. Ci sono anche loro da salvare e accudire.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento