Cronaca

Dall'androne delle scale alla biblioteca, per Eleonora arriva il trasferimento

La giovane disabile era costretta a lavorare nel sottoscala del palazzo che ospita il giudice di pace a Cavarzere. Dopo l'interesse dei media ora potrà lavorare al "caldo"

 

Si era adattata a lavorare nell'androne delle scale, con alle spalle la porta d'entrata dello stabile perennemente aperta e senza una spina dell'energia elettrica dove attaccare una stufetta. Su una sedia a rotelle non poteva certamente salire le scale di Palazzo Danielato a Cavarzere, sede del giudice di pace.
 
Qui Eleonora Callegaro 28 anni, disabile dal 2000, svolgeva la mansione di archiviazione degli atti e segreteria. Ora, dopo l'attenzione dei media, è arrivato il “trasferimento” in biblioteca. Qui potrà svolgere lo stesso lavoro, ma in un ambiente decoroso. L'accordo è arrivato nei giorni scorsi tra il sindaco di Cavarzere Henri Tommasi con il placet del giudice di pace Raffaele Minoia. La giovane sarà collegata via telematica con gli uffici del giudice.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'androne delle scale alla biblioteca, per Eleonora arriva il trasferimento

VeneziaToday è in caricamento