rotate-mobile
Cronaca

Carnevale 2013, si punta sui colori per farci dimenticare un po' la crisi

Presentata mercoledì la nuova edizione della kermesse lagunare, che inizierà il 26 gennaio a si concluderà il 12 febbraio. Lo slogan sarà "vivi i colori": confermati gli eventi tradizionali

Le menti più pure e più pensose sono quelle che amano i colori”. Prendendo ispirazione da questa frase, dello scrittore e pittore John Ruskin, la macchina organizzativa del Carnevale di Venezia 2013, composta da Comune e Venezia Marketing & Eventi, ha presentato mercoledì al Museo Correr il programma della nuova edizione dedicata appunto ai colori e intitolata “Vivi i colori - Live in colour”.

Alla conferenza stampa sono intervenuti, tra gli altri gli assessori comunali al Turismo, Roberto Panciera, e alle Attività produttive, Antonio Paruzzolo, il presidente di Venezia Marketing & Eventi, Piero Rosa Salva, il presidente della Fondazione Musei Civici di Venezia, Walter Hartsarich, il direttore artistico del Carnevale 2013, Davide Rampello.

La kermesse, come hanno illustrato Rosa Salva e Rampello, si svolgerà dal 26 gennaio al 12 febbraio: tre settimane di iniziative sulla scia della fortunata formula adottata lo scorso anno. Allo stesso modo è stato confermato il carattere fortemente culturale del Carnevale, che prevede l'allestimento sia di specifici appuntamenti all'interno dei Musei Civici che di numerosi spettacoli in tutto il territorio comunale. Non mancheranno gli appuntamenti tradizionali come il Volo dell'Angelo, la Festa delle Marie, la Festa veneziana sull'acqua a Cannaregio, ma nemmeno i colpi di scena che saranno introdotti via via che la manifestazione entrerà nel vivo.

Gli assessori Panciera e Paruzzolo hanno posto l'accento sul difficile momento economico che anche l'amministrazione sta attraversando, ricordando però che il Carnevale è un'importante occasione di rilancio per l'intera città: “Il brand Venezia per fortuna non è in difficoltà, e la città mantiene tutto il suo appeal – ha precisato l'assessore al Turismo – e mi auguro che questo momento di festa e spensieratezza sia vissuto appieno da tutti i veneziani”.

L'assessore Paruzzolo si è soffermato sul legame tra il Carnevale e le categorie economiche e sull'esigenza di razionalizzazione delle risorse: “Bisogna fare di più con meno – ha aggiunto Paruzzolo – e in quest'ottica, dal prossimo anno, il Carnevale sarà curato dalla nuova società che, assorbendo anche 'Venezia Marketing & Eventi', si occuperà di gestire eventi in un'ottica di promozione complessiva della città”.


Il Carnevale 2013 si colorerà di appuntamenti culturali che spazieranno dalla musica al circo, dalla gastronomia al cinema, dalla scienza al teatro. Infine anche quest'anno in Piazza San Marco ci sarà il “Gran Teatro di San Marco”, la struttura realizzata in partnership con Expovenice, che resterà allestita per tutta la durata della kermesse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carnevale 2013, si punta sui colori per farci dimenticare un po' la crisi

VeneziaToday è in caricamento