Sicurezza: 74 mila controlli in più della settimana precedente

I dati dell'Interno sul lavoro delle forze dell'ordine. In tutto 8 milioni di cittadini verificati. Non allarmanti sanzioni e denunce. In regione 3 denunciati per inosservanza della quarantena

Controlli stradali Covid-19

Dal monitoraggio dei servizi di controllo relativo alle misure per il contenimento del coronavirus, secondo i dati del dipartimento della pubblica sicurezza, dal 10 marzo al 15 aprile sono state controllate in Veneto 334.280 persone: 10.640 quelle sanzionate, 6.076 denunciate, per un totale di 16.716. Le persone denunciate per reati sono state 509. Gli esercizi commerciali controllati sono 235.548, 329 dei quali sanzionati o denunciati, 27 quelli chiusi. A Venezia sono state controllate 73.294 persone, sempre al 15 aprile, 3.445 quelle sanzionate e denunciate. Le attività produttive verificate sono state 100.700, 32 quelle sanzionate e 26 quelle denunciate. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le multe. Il 25 aprile

Tre le persone denunciate per inosservanza del divieto di uscire perché in quarantena e positive al Covid, nell'ultima settimana, dice il sottosegretario all'Interno Achille Variati. Uno in provincia di Vicenza e 2 nel Trevigiano. Nell'ultima settimana sono stati controllati 50 mila negozi veneti; i sanzionati sono pochissimi, meno dell'uno per mille. «Sappiamo che i Comuni sono in difficoltà per le mancate entrate dalle multe, non c'è insensibilità alla questione - spiega Variati -.  Il ministro Gualtieri ha detto che il governo darà un importo significativo ai Comuni con un tavolo che stabilirà i bisogni per sostituire le entrate venute a mancare». E si parla del 25 aprile. Al di là delle polemiche, spiega il sottosegretario, «mai in un momento come questo riteniamo importante celebrare la festa della Liberazione. A rappresentare i cittadini in questa circostanza non potranno che essere i sindaci, i quali deporranno corone ai monumenti dei caduti, su indicazione del presidente del Consiglio dei ministri».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Nicolò, «atleta e professionista in campo e nella vita». Il ricordo degli amici

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento