Divorzi, è sempre boom nel Veneziano. E spesso ci mettono lo zampino i social network

Adico ha elaborato i dati Istat aggiornati al 1 gennaio 2017. In 12 mesi un migliaio di coppie scoppiate. "Nell'affidamento ai figli non si fanno più le guerre, si vuole il tempo libero"div

La famiglie veneziane sono sempre più in crisi. Le coppie scoppiano e i contrasti familiari aumentano. Ma che succede al sacro vincolo del matrimonio? Lo raccontano i periodici dati dell'Istat che, a poco a poco, paiono recitare il de profundis per la coppia tradizionale, quella che si amava per sempre fino a che morte non li separava. Qualche altra indicazione la fornisce lo sportello “separazione e divorzio consensuale” dell'associazione mestrina Adico, che rileva una evoluzione anche nell'affidamento dei figli: ormai non ci sono più battaglie all'ultimo sangue per l'affidamento esclusivo e anche le donne, per lo più fra i 40 e i 50 anni, cercano soluzioni per poter godere del proprio tempo libero.

I dati 

Gli ultimi numeri dell'Istituto - elaborati dall'Adico e riferiti all'1 gennaio 2017 - accrescono le preoccupazioni pure rispetto all'ultimo trend registrato la scorsa primavera e relativo all'1 gennaio 2016. In provincia di Venezia la rilevazione relativa al 2016 segnava 21.169 persone divorziate (non divorzi) mentre esattamente 12 mesi dopo, ultimo dato disponibile, la quota è salita a 23.146 persone: tradotto, in un solo anno, il 2016, si sono consumati un migliaio di divorzi, per un totale di 1.977 nuovi divorziati durante questo periodo. L'anno prima la quota di “nuovi” divorziati era comunque elevata, 1.727, ma rispetto agli ultimi dati c'è stato un aumento di circa il 10%. Il boom, partito nel 2015, è con ogni evidenza legato all'introduzione del cosiddetto “divorzio breve” prima del quale ogni anno il numero di divorziati stava sempre abbondantemente sotto le mille unità. 

Il divorzio più in voga in provincia

Il capoluogo, con 8.875 persone divorziate nell'arco del 2016, la fa da padrona in questo triste primato. Ma gli aumenti più consistenti di divorzi in termini proporzionali si concretizzano ora di più in provincia, dove un tempo il vincolo del matrimonio appariva per i più inattaccabile. “La vita di coppia è sempre più complessa – commemta Carlo Garofolini, presidente dell'Adico – tramite il nostro sportello abbiamo scoperto che nel 10 per cento dei casi alla base del divozio c'è un tradimento favorito dagli incontri sui social network. In più anche l'emancipazione economica delle donne ha ridotto quel senso di dipendenza che a volte teneva assieme le coppie, anche quando vi erano dei contrasti”. 

"I figli? Sì, ma voglo anche tempo libero"

Lo sportello rileva un'altra inversione di tendenza degli ultimi tempi. “Il nostro ufficio legale si occupa anche di assistere le coppie divorziate nella gestione dei figli – rivela Garofoloni – I genitori più giovani, quelli sotto i 50 anni, non fanno più a gara per avere i figli più giorni possibile se non addirittura in via esclusiva. Cercano piuttosto soluzioni di mezzo, che permettano loro di stare con i figli senza ricnunciare a giornate libere da passare con amici o comunque da dedicare esclusivamente a se stessi”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento