rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Export, a causa della pandemia nel Veneziano perdite per 450 milioni

Lo rivelano i dati della Camera di Commercio di Venezia Rovigo. Il Covid frena anche la nascita di nuove imprese

Dopo un anno dal primo lockdown a fine marzo 2021 nei territori di Venezia e Rovigo la nascita di nuove imprese è diminuita del 7% rispetto al I trimestre 2020 (1.616 contro le 1738 del I trimestre 2020), parallelamente le cessazioni di attività hanno fatto segnare un calo più intenso del 17,9% (2.484 contro 2.040 nel I trimestre 2020). A rivelarlo sono i dati sulla demografia d’impresa della Camera di Commercio di Venezia Rovigo che nel I trimestre 2021 conta 118.400 localizzazioni attive, dato sostanzialmente stabile rispetto ai valori del I trimestre 2020 e in diminuzione dello 0,4% rispetto al 2019.

Secondo la fotografia scattata dall’ente le incertezze dello scenario economico, tra dubbi sull’evoluzione della pandemia, attesa dei ristori e delle altre forme di sostegno, blocco dei licenziamenti e prospettive di rilancio hanno di fatto, influito, più sul congelamento delle cancellazioni che sullo scoraggiamento all’avvio di nuove attività. Dal bilancio sulla nati-mortalità d’impresa del primo trimestre del 2021 emerge un saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni non d’ufficio: -245 sedi d’impresa a Venezia. Un valore di gran lunga inferiore rispetto alla serie dei primi trimestri degli ultimi anni.

Export: perdite oltre 450 milioni

In questo quadro di crisi economica globale, nel 2020 sono calati inevitabilmente anche i valori delle esportazioni che nella provincia di Venezia si attestano complessivamente ad oltre 4,5 miliardi di euro, ovvero il 9,1% in meno rispetto al 2019, con una perdita totale di oltre 452 milioni di euro. Il settore delle calzature, prima voce dell’export provinciale, diminuisce del 29,6%, con una perdita di oltre 178 milioni di euro rispetto ai valori del 2019. Medesima situazione anche per il comparto del vetro: vetro e prodotti in vetro diminuiscono del 41,4% (-72,7 milioni di euro rispetto al 2019), principalmente a causa della diminuzione degli acquisti da Stati Uniti (-70,5%) e Francia (-24,2%).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export, a causa della pandemia nel Veneziano perdite per 450 milioni

VeneziaToday è in caricamento