menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meningite, 12 casi nel corso del 2016: "Episodi dimezzati rispetto all'anno precedente"

Il dg dell'Ulss 3, Dal Ben: "Vaccinate 2.300 persone in più grazie a sedute straordinarie". Rispetto a una media regionale dell'85,7%, nel Veneziano la copertura è del 92,3%

Si celebra lunedì prossimo il “World Meningitis Day”, la Giornata mondiale per la prevenzione contro la Meningite, che cade in una fase storica in cui la malattia non cessa di far parlare di sé. Non cessa l’allarme in Toscana, dove  nell’ultimo anno e nei primi mesi del 2017 ha colpito quasi 50 persone, con oltre 30 casi di Meningococco C accertato, ed ha causato 7 decessi; e grande eco ha avuto, nei primi giorni di agosto, il caso tragico avvenuto a margine della Giornata Mondiale della Gioventù.

Al centro di tutto lo sforzo di sensibilizzazione sta l’appello alla vaccinazione. E su questo fronte specifico del vaccino contro la meningite, importante è stato lo sforzo dell’Azienda sanitaria di Venezia: “Tra gennaio e marzo di quest’anno – sottolinea il direttore generale, Giuseppe Dal Ben – abbiamo messo in campo una task force dedicata al contrasto di questa patologia: il nostro servizio vaccinale ha organizzato 32 sedute straordinarie, 15 delle quali di sabato, e a ciascuna di queste sedute hanno aderito mediamente 70 utenti: l’iniziativa ci ha permesso di vaccinare quasi 2.300 utenti in più rispetto al normale servizio”. Guardia alta, quindi, e anche per questo i dati veneziani sono buoni: “Nel corso del 2016 nell’Ulss 12 Veneziana – spiega il dottor Vittorio Selle, responsabile del servizio vaccinale – i casi di malattia batterico invasiva (sepsi o meningite) sono stati 5, e sono stati 7 i casi di meningo-encefalite virale durante: 12 quindi i casi complessivi, a fronte dei 25 casi registrati nel 2015”.

L’Ulss 3 Serenissima invita ad effettuare le vaccinazioni ai bambini fin dai primi mesi di età e fino all’età adolescenziale secondo il calendario vaccinale di ogni bambino. La vaccinazione in età pediatrica è gratuita, e nel’azienda sanitaria veneziana raggiunge un livello di copertura elevato: a fronte di una media regionale dell’85,7%, nel Veneziano la copertura sale al 92,3% (dato 2016): quella veneziana è quindi la seconda tra le aziende sanitarie del Veneto per copertura vaccinale, prima tra le Ulss dei capoluoghi di Provincia.

“Invitiamo alla vaccinazione contro il pneumococco – spiega il dottor Marco Flora, del servizio vaccinale – anche le persone al di sopra dei 65 anni e tutti coloro che sono affetti da patologie a rischio, quali asplenia anatomica o funzionale, cardiopatie croniche, malattie polmonari croniche, epatopatie croniche, diabete mellito ed altre”. A fronte della recrudescenza della malattia in Toscana, e su indicazioni della Regione Veneto, l’Ulss 3 offre, almeno fino al 30 giugno, la vaccinazione a coloro che soggiornano per lunghi periodi in quell’area per lavoro o studio. Per informazioni, ci si può rivolgere al call center vaccinale Terraferma: 041.2608312, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30, oppure al call center vaccinale Venezia e isole: 041.5295857, dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00. Info anche sul sito “Vaccinarsi Veneto”, all’indirizzo www.vaccinarsinveneto.org.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento