menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, le previsioni: a Jesolo tasso di occupazione degli hotel appena al 18%

Gli ultimi dati H-Benchmark per il periodo da maggio a settembre. Maschio (Aja): «Momento di incertezza»

Ad oggi, a Jesolo, l’occupazione media nelle strutture alberghiere per il periodo da metà maggio a meà settembre è del 18%. Lo rivelano gli ultimi dati del sistema H-Benchmark, che fanno emergere le conseguenze dell'incertezza dovuta alla situazione sanitaria, soprattutto per l'inizio stagione. Per quanto riguarda il ponte del 2 giugno si registra un leggero aumento, pari al 30 per cento. Ma il periodo di incertezza sta fortemente condizionando proprio l’avvio della stagione, con un mese di giugno che, nella prima quindicina di giorni (fatta eccezione per il “ponte”), sta facendo emergere delle disdette, con una conseguente occupazione media del 15 per cento. Il mese di luglio si assesta, al momento, sul 23 per cento di occupazione media negli hotel.

«I dati confermano che va mantenuta moderazione nell’analizzare la stagione in un momento di così grande incertezza - commenta il presidente di Aja (associazione jesolana albergatori), Alberto Maschio -. Convinti, però, che il momento difficile che stiamo attraversando e l’evoluzione del fare turismo impongano analisi sull’economia reale, nell’interesse della programmazione: sono finiti i tempi delle azioni determinate dalle sensazioni». Rispetto alla rilevazione di quindici giorni fa, c’è stata una inversione di tendenza sulla nazionalità. Al primo posto ci sono gli italiani, seguiti dai turisti di Germania e Austria. Significativo anche il dato delle “stelle”: gli hotel a 4 stelle e 4 stelle superior hanno una media del 25 per cento di occupazione, praticamente il doppio dei 3 stelle. Una testimonianza di quanto la qualità sia sempre più ricercata nei turisti.

Il nuovo Dpcm

«Invito tutti a ritrovare consapevolezza ed equilibrio nel fare considerazioni sull’andamento stagionale, ricordando che le parole hanno un peso ed un valore e questo può determinare la scelta di un turista, ma anche una decisione politica sul nostro futuro - aggiunge Maschio -. In particolare, in un momento come questo dove le varie bozze di Dpcm sembrano minare una operatività sostenibile e praticabile». E proprio sulla bozza del nuovo Dpcm interviene anche Angelo Faloppa, presidente mandamentale di Confcommercio San Donà-Jesolo e vice presidente provinciale della medesima associazione: «Sono profondamente indignato e al contempo preoccupato per come si sta trattando il turismo - dice -. A parole tutti, nel governo, continuano a dire che il turismo è uno dei più importanti comparti dell’economia del nostro Paese, ma nei fatti dimostra che non sa fare turismo. Le notizie sparate in prima serata sui tg, evidenziano solo messaggi di ristrettezze e limitazioni fino al 31 luglio; questo sarà l’unico messaggio che rimarrà impresso nella memoria di quanti stanno decidendo dove andare in vacanza».

Critiche simili sono state espresse dal presidente di Confcommercio Portogruaro Bibione Caorle, Manrico Pedrina: «La stagione balneare è messa a rischio dalle strategie del governo: l'incertezza generata dal Decreto Riaperture e dalla comunicazione sui media delle misure in esso contenute arrecherà un gravissimo danno al comparto ricettivo e della ristorazione. Le misure approvate sono timide ed il messaggio che gli italiani ed i nostri ospiti stranieri hanno percepito è che fino all'1 luglio continueranno le restrizioni. Come si potrà prenotare serenamente una vacanza con una non chiara indicazione temporale in merito alla cessazione o all'allentamento del coprifuoco serale?» Questa situazione, conclude Pedrina, «favorirà i nostri competitor europei, Grecia, Croazia, Spagna».

Coprifuoco definito «incomprensibile» dal presidente di Fipe-Confcommercio, la Federazione italiana dei pubblici esercizi, Lino Enrico Stoppani: «Il coprifuoco comprime orari e favorisce comportamenti disordinati e opposti. Siamo esasperati dal ritardo nel comunicare nel dettaglio le misure compensative più volte annunciate».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lo show "4 Hotel" dello chef Bruno Barbieri parte da Venezia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento