menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oltre 4 milioni di arrivi in 7 mesi Ecco i dati sul turismo in Provincia

L'Azienda di Promozione Turistica illustra i dati del periodo gennaio-luglio. Trend del 2012 confermato, il 77% dei turisti viene dall'estero

Oltre 19 milioni di presenze, di cui il 77 % internazionali. Sono questi i due dati principali pubblicati sul sito dell’Azienda di promozione turistica della Provincia di Venezia, relativi al periodo gennaio–luglio 2013, nei tre comparti che turisticamente caratterizzano il territorio provinciale: Balneare, Città d’arte ed Entroterra. Nei primi sette mesi dell’anno 2013 le strutture ricettive della provincia di Venezia hanno accolto 4 milioni e 804.936 turisti che hanno soggiornato complessivamente per 19 milioni 002. 679 notti (presenze). Dal confronto con l’anno precedente si può esprimere una prima valutazione sulla stagione turistica 2013. Nel 2012 gli arrivi erano stati leggermente superiori, con 4 milioni 839.529, le presenze 19 milioni 098.873.

L’assessore provinciale al Turismo Giorgia Andreuzza ha così commentato:  “Dai dati raccolti emerge una complessiva stabilità di arrivi e presenze nel territorio provinciale veneziano. La provincia di Venezia è, nel suo complesso, una consolidata unione di tante realtà differenti: il turismo open air, quello degli eventi e delle manifestazioni turistiche, quello culturale ed enogastronomico, il turismo slow in generale, con il turismo fluviale e il cicloturismo. Queste  potenzialità devono, ora più che mai, poter contare su un’ adeguata promozione e valorizzazione, per non perdere questi primi segnali di ripresa economica, anche se non perfettamente omogenei in tutte le località. Sicuramente questo dato positivo è la sommatoria di molti fattori, tra i quali in primis la consolidata capacità imprenditoriale dei nostri operatori che hanno saputo adeguare l’offerta alla domanda. E se la componente climatica, che nel mese di giugno è stata sfavorevole, ha influito sull’andamento, la migliore propensione economica dei mesi successivi ha bilanciato i potenziali effetti negativi.

Il presidente dell’Apt  Enrico Miotto ha analizzato i dati e il contesto: «Dopo il trend negativo dell’ultimo periodo si possono registrare alcuni segnali di ripresa significativi come la conferma sostanziale del grado di attrazione delle località veneziane e la tenuta della durata del soggiorno, che esprimono entrambi un avvio della ripresa. Un dato che conferma il segnale comunque positivo è l’aumento della durata del soggiorno (complessivamente 6,20 gg per il Balneare e 2,22 nella Città d’Arte) che esprime l’aumento della capacità o propensione di spesa del turista. I turisti stranieri costituiscono il 79% dei turisti in termini di arrivi, e il 77% in termine di presenze: un segnale che la caratterizzazione netta delle località risulta favorita dal turista internazionale, con una tendenza più marcata rispetto all’anno 2012”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento