menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia davanti a Ca' Farsetti e bandiere a mezz'asta

Polizia davanti a Ca' Farsetti e bandiere a mezz'asta

Sos degli Usa: "Non viaggiate in Europa". Albergatori in allarme: "Iniziano le disdette"

Richieste di camere diminuite negli ultimi giorni in laguna. Claudio Scarpa, presidente Ava: "Pesanti ripercussioni sul nostro futuro". Intanto controlli rafforzati e bandiere a mezz'asta

L'allarme non è scattato solo sul fronte della sicurezza. Perché tra pochi giorni sarà Pasqua e poi ci saranno anche le celebrazioni per i 500 anni del Ghetto. Giorni "pieni" per forze dell'ordine e amministrazione comunale in fatto di logistica. Si spera che lo siano altrettanto in merito alle presenze turistiche. E' arrivata la primavera e con essa gli albergatori intendono riempire le proprie strutture ricettive in laguna. Il timore, però, è che i recenti attentati di Bruxelles e Parigi possano influire sulle decisioni di chi viaggia. Venezia, del resto, è considerata un obiettivo sensibile (e non a caso mercoledì il numero di forze dell'ordine tra calli e campielli è stato incrementato). Non solo uomini in divisa e in borghese tra piazzale Roma, i dintorni di Ca' Farsetti, il Ghetto e il teatro Goldoni, dove era in programma una importante giornata per il ricordo delle vittime di mafia, ma anche le bandiere dei palazzi della politica a mezz'asta: la sede del Comune, Palazzo Balbi, il consolato belga, pure la questura. A testimoniare che martedì a essere colpita è stata la nostra coscienza di europei.

SICUREZZA: "MODELLO VENEZIA" CON 150 TELECAMERE

IL COMANDANTE AGOSTINI: "SERVONO PIU' UOMINI" - VD

I timori, dunque, si spostano sul fronte ricettivo: "Per ora si registrano poche disdette, ma quello che si teme è la diminuzione delle prenotazioni soprattutto da parte dei turisti americani", dichiara Claudio Scarpa, direttore dell’Associazione Veneziana Albergatori, che riunisce 350 hotel a Venezia e in terraferma. "Colpa" in parte di una nota con cui il Dipartimento di Stato americano ha messo in allerta i cittadini per i "potenziali rischi nel viaggiare verso e attraverso l'Europa". Una comunicazione che a quanto pare starebbe avendo effetti negativi e pesanti sulle prenotazioni negli hotel di Venezia. 

TORNA A FAR CAPOLINO IN REGIONE LA LEGGE ANTI BURQA

"Ho sentito telefonicamente molti direttori di strutture alberghiere a 4 e 5 stelle e sono tutti preoccupati per il futuro - sottolinea Scarpa - Perché se da una parte è vero che si sono registrate poche disdette in seguito agli attentati in Belgio, dall’altra le richieste di camere d’albergo è diminuita. Inoltre, si deve considerare un elemento molto importante: gli americani sono la prima nazionalità per numero di presenze a Venezia, rappresentano circa il 20% delle presenze e costituiscono il 30% del fatturato per gli hotel di categoria superiore a 4 e 5 stelle. Il fatto che il consiglio di non viaggiare in Europa arrivi dal Dipartimento di Stato americano potrebbe pesare in maniera negativa sul futuro del turismo anche a Venezia". Per vederci chiaro mercoledì pomeriggio, alle 18.30, l’Ava riunirà il proprio Consiglio direttivo nella sede di Palazzo Fontana a Venezia. "Siamo già in contatto con Federalberghi Roma – ha concluso il direttore dell'associazione – vogliamo creare un canale diretto e continuo di confronto e studiare eventuali azioni comuni da avviare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento