menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lucia Manca è morta soffocata, ora si stringe il cerchio sul marito

Secondo indiscrezioni nella perizia del medico legale ci sarebbe scritto che la donna scomparsa da Marcon tra il 6 e 7 luglio scorsi sarebbe stata uccisa e poi portata nel Vicentino

Lucia Manca, la bancaria di Marcon il cui cadavere è stato ritrovato il 6 ottobre sotto un ponte a Cogollo del Cengio (Vicenza), è morta soffocata. Lo scrive il quotidiano La Nuova Venezia, fornendo indiscrezioni sulla perizia che deve ancora essere depositata dal medico legale Andrea Galassi. Lo stesso medico vicentino ha chiesto un'altra settimana di tempo (il termine ultimo sarebbe scaduto domani) prima di consegnare alla procura gli esiti degli accertamenti fatti, dopo aver già ottenuto a dicembre una proroga di un mese per effettuate tutti gli esami necessari sui resti.

LA POSIZIONE DEL MARITO - Se la perizia che sarà depositata confermerà la morte della donna per soffocamento, verrebbe riconsiderata dagli investigatori la figura del marito Renzo Dekleva, che per ora non risulta indagato per il decesso della moglie, scomparsa dalla casa di Marcon nella notte tra il 6 e il 7 luglio scorsi. Per ora i carabinieri indagano l'informatore farmaceutico solo per aver dichiarato in atti pubblici di aver conseguito la laurea in medicina, fatto mai accaduto.

 

LE ANALISI SUL TELEFONINO - Ma gli inquirenti sono sicuri che il marito della vittima è a conoscenza di come il cadavere di Lucia sarebbe finito nel luogo del ritrovamento. Non hanno mai fatto mistero, infatti, che le analisi effettuate sul cellulare di Dekleva non corrispondano agli spostamenti raccontati da lui pochi giorni dopo la scomparsa della donna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento