Spaccio, prostituzione e resistenza: denunce e daspo a Mestre

La polizia locale ha bloccato in varie operazioni due pusher, due clienti di prostitute e un giovane che ha dato in escandescenze in un bar: ha lanciato un tavolino contro gli agenti

In 48 ore, a Mestre, la polizia locale ha denunciato due persone per spaccio e una per resistenza a pubblico ufficiale, e ne ha multate altre due scoperte a intrattenersi con prostitute. Una prima operazione è avvenuta in via Poerio, dove le pattuglie del nucleo cinofilo hanno notato un giovane che buttava a terra un pacchettino; lo hanno recuperato, appurando che conteneva alcuni grammi di cocaina. Il pusher, un 23enne marocchino, è stato denunciato per detenzione di droga ai fini di spaccio.

Altro episodio in un esercizio pubblico di corso del Popolo, dove tra i clienti è stato individuato un 25enne del Gambia (già conosciuto alle forze dell'ordine) che, durante il controllo, ha dato in escandescenze, insultando gli agenti e lanciando contro di loro un tavolino. Alla fine è stato denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Poco più tardi, nella notte tra il 31 agosto e l'1 settembre, sono stati multati due automobilisti che si erano intrattenuti con delle prostitute lungo via Terraglio. A entrambi, uno di Spinea l'altro di Marcon, è stato intimato l'allontanamento per 48 ore dall'area dove si sono svolti i fatti. Martedì mattina, infine, il personale del Nucleo operativo ha denunciato un 41enne marocchino con precedenti per droga: l'uomo si era appartato con un cliente in piazzale Baisnizza per consegnargli dell'hashish. L'acquirente, un 34enne italiano, ha ricevuto una sanzione e il daspo urbano per 48 ore. Daspo anche per lo spacciatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento