Cronaca

Truffatori su truffatori: carte di credito "rubate" e merce mai inviata all'acquirente

Si allunga la lista di raggiri nel Portogruarese. A Concordia Sagittaria un 36enne ha perso circa mille euro. A San Michele un cittadino ha pagato per del pellet senza ricevere alcunché

Continuano le denunce nei confronti di truffatori nel territorio del Portogruarese. O meglio, i carabinieri della compagnia della città del Lemene continuano a smascherare questi malintenzionati, i quali continuano a trovare metodi sempre più "fantasiosi" per riuscire a raggirare la vittima di turno. Come è successo a un 36enne di Concordia Sagittaria, che è finito nei guai dopo aver avuto un contatto via web con un 44enne calabrese per la compravendita di un motociclo. In qualche modo il truffatore è riuscito a ottenere le coordinate della carta di credito dello sventurato, che si è rivolto ai carabinieri nel momento in cui ha subito un danno di circa mille euro da parte del suo interlocutore. I militari sono riusciti ad acquisire elementi inequivocabili alla Procura di Pordenone, denunciando in stato di libertà il 44enne per truffa e indebito utilizzo di carte di credito.

Stesso copione anche a San Michele al Tagliamento, dove un 39enne originario di Latisana, ma residente in territorio sanmichelino, ha chiesto aiuto ai carabinieri nel momento in cui, nonostante avesse versato i soldi pattuiti per l'acquisto di cinque bancali di combustibile pellet destinato al riscaldamento domestico, non aveva ricevuto alcunché. Nel mirino sono finiti un 29enne e un 54enne di Pontinia, provincia di Latina, che si sarebbero intascati 825 euro senza inviare la merce venduta. Naturalmente una volta ricevuti i soldi per un certo tempo si sono resi irreperibili. Entrambi devono rispondere di truffa in concorso. Le indagini continuano, perché in zona sarebbero stati segnalati da alcuni cittadini altri casi del genere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffatori su truffatori: carte di credito "rubate" e merce mai inviata all'acquirente

VeneziaToday è in caricamento