Denunciato un 18enne per aver distrutto la panchina dedicata a Maila Beccarello

Stava saltellando sull'installazione. Ha chiesto scusa: «Mi impegnerò a risarcire»

La panchina distrutta

«Non lo sapevo, chiedo scusa per quello che ho fatto». Così, ai carabinieri della stazione di Cavarzere, ha risposto un 18enne ritenuto il responsabile di aver danneggiato e distrutto la panchina dedicata alla 37enne Maila Beccarello, uccisa di botte dal marito Natalino Boscolo Zemello un anno fa. Il giovane è stato individuato dai militari che dopo il vandalismo, che risale a domenica sera, avevano avviato un'indagine e adesso è stato denunciato per danneggiamento aggravato. 

«Risarcirò il danno»

Il 18enne, che abita in zona, ha riferito che non era a conoscenza del fatto che quell'installazione fosse dedicata a Beccarello. Ha confessato che si trovava insieme a degli amici e che mentre saltellava sulla panchina, questa si è rotta. Si è detto pentito e pronto a risarcire il danno, ma è stato ugualmente denunciato. Questo non era stato l'unico vandalismo compiuto quella sera a Cavarzere. 

Gli altri vandalismi

I carabinieri stanno indagando per trovare i responsabili di altri danneggiamenti ai danni di una campana di vetro, un quadro elettrico e cartelli stradali. Potrebbe trattarsi dello stesso gruppetto di ragazzini, ma per adesso i militari non si spingono a fare ipotesi. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tacco11 della famiglia di Federica Pellegrini nel nuovo hotel a 5 stelle di Jesolo

  • Sorpreso con un trans, paga subito la multa: «Ma non ditelo a mia moglie» ​

  • Donna trovata morta sugli scogli, è una signora di Noale

  • L'Auchan passa a Conad. Sciopero e presidio a Mestre

  • Violenta collisione in serata, perde la vita un 53enne di San Stino

  • Barca finisce in secca, volo dell'elicottero per recuperare quattro persone

Torna su
VeneziaToday è in caricamento