Guida a zig zag, fermato dai carabinieri reagisce al controllo: denunciato

nei guai un 29enne di Spinea. I militari nel weekend hanno anche messo in salvo un ragazzino

Un'auto che viaggiava in maniera a dir poco pericolosa, accelerando improvvisamente e frenando di colpo. I carabinieri, attraversando la zona di “Santa Bertilla”, a Spinea, l'hanno notata subito e hanno deciso di fermarla. Il giovane alla guida, 29enne moldavo, è apparso subito alterato.

Rispondeva vagamente alle richieste di documenti o di fornire le generalità. Ci sono voluti diversi minuti e tanta pazienza per vincere questa resistenza “passiva” del ragazzo che, alla fine, è stato identificato. Vista la sua alterazione, i militari hanno deciso di perquisire lui e anche la sua abitazione, dove hanno trovato uno spinello di marijuana. Il 29enne è stato quindi segnalato alla prefettura e poi denunciato per resistenza e rifiuto di fornire le generalità. 

A Mirano, invece, nelle stesse ore l'attenzione di una pattuglia è stata richiamata dal gesticolare di un signore che cercava aiuto. L'uomo era in compagnia di un ragazzino con una piccola bicicletta, talmente impaurito da non saper pronunciare nemmeno il suo nome. I carabinieri, per non spaventarlo ancora di più, hanno tolto le mascherine anche solo per mostrare al piccolo qualche sorriso rassicurante. subito dopo è arrivato anche un secondo residente che conosceva il ragazzino e ha saputo indicare la zona in cui abita. I militari, quindi, si sono divisi ed il capo pattuglia, preso in braccio il piccolo, lo ha accompagnato a piedi verso casa, scortato dall’auto di servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • 60enne si allontana da casa e scompare, trovato senza vita

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento