menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fanghi in darsena a Eraclea senza permessi, scatta il sequestro: "Possibile inquinamento"

Deposito di materiale di dragaggio individuato dalla guardia costiera al confine con la laguna del Mort. Misura 500 metri quadri. Non risultano verifiche tossicologiche, coinvolta L'arpav

Depositavano il materiale da escavo proveniente dall’attività di dragaggio di una darsena di Eraclea lungo la scogliera che separa lo specchio d'acqua della Laguna del Mort. Questo lo scenario che si è presentato davanti al team della guardia costiera di Caorle, coordinato dal tenente di vascello Francesco Passaro, durante un’attività di controllo in materia ambientale svolta nel pomeriggio di lunedì.

Deposito incontrollato di fanghi

Durante la verifica il personale ha potuto appurare che all’interno della darsena, nel corso dell’ultimo mese, si sono svolte delle attività di manutenzione tra cui lo spostamento e la sostituzione di alcune bricole. Operazioni che, anche se svolta in un’area demaniale in concessione, necessiterebbero di una preventiva ordinanza che regoli gli aspetti di sicurezza per la navigazione. L’emissione di tale provvedimento, però, non è mai stata richiesta alla competente autorità marittima. Il risultato della manutenzione è stato l’accumulo di un grosso quantitativo di materiale fangoso lungo la massicciata di protezione della darsena per un'area totale di circa 500 metri quadrati, il che ha determinato, di fatto, un deposito incontrollato di fanghi di dragaggio.

Ipotesi inquinamento

Inoltre, da quanto appurato dai militari, nessun controllo chimico-tossicologico del materiale fangoso sarebbe stato effettuato prima che questo venisse depositato sulla diga, lasciando aperta un’ipotesi di contaminazione ambientale. Per questo motivo l’ufficio circondariale marittimo di Caorle ha preso diretti contatti con l’agenzia regionale per l’ambiente del Veneto (Arpav), che nei prossimi giorni espleterà i dovuti approfondimenti. L’area di deposito dei fanghi è stata, infine, sequestrata sotto il coordinamento della Procura della Repubblica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

  • social

    Il gobbo di Rialto e la storia dell'ultimo bacio dei fustigati

  • Ristrutturare

    Bonus mobili 2021: come funziona e come ottenerlo

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento