Detenuto tenta di evadere e ferisce due agenti

L'uomo era stato portato al pronto soccorso per una visita. Carrano: «Integrare le unità di polizia»

Era stato portato al pronto soccorso per sottoporsi a una visita urgente ma, una volta arrivato, ha cercato di scappare e ha ferito due agenti. Il protagonista è un detenuto del carcere di Santa Maria Maggiore di Venezia che giovedì mattina ha provato ad evadere. Un tentativo fallito, visto che i poliziotti della penitenziaria sono riusciti a fermarlo, anche se non senza difficoltà. 

«In questo periodo a Venezia il personale di polizia penitenziaria in servizio per garantire la sicurezza all’ interno dell’ istituto, piantonamenti, traduzioni e quant'altro è costretto ad espletare  turni di servizio che diverse volte arrivano anche a 12 ore consecutive, con la beffa però che superando il tetto massimo delle ore straordinarie assegnate venga accantonato e non pagato nell'immediato - denuncia Umberto Carrano, segretario provinciale dell'unione sindacati di polizia penitenziaria Uspp -. Chiediamo all’ amministrazione penitenziaria di integrare le unità di polizia presso la casa circondariale al fine di garantire al a chi fa sicurezza riposi, ferie e un giusto recupero psicofisico». Nelle fasi per impedire l'evasione, due agenti penitenziari sono rimasti feriti, hanno riportate ferite guaribili rispettivamente in dieci e tre giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A fronte di 26 unità previste nei turni diurni necessarie a garantire un regolare servizio di sorveglianza e l’espletamento delle attività, spesso ne risultano effettive solo 17 – denunciano da Cgil -. Un calo dovuto a riposi obbligatori, ferie, assenze per malattia aggravato ovviamente dalle mancate immissioni in ruolo di nuovo personale». Secondo i sindacati nel turno serale la situazione è ancora più grave: si scende a ben meno di 10 unità rispetto alle 14 minime previste in tutto l’istituto. «Chiediamo quindi – concludono – alla direzione di attivarsi presso gli uffici competenti per richiedere personale aggiuntivo ora più che mai necessario per garantire condizioni di lavoro accettabili al personale e la sicurezza della struttura».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Elezioni 2020: i risultati parziali delle votazioni per il presidente della Regione Veneto

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento