menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un sequestro di marijuana (archivio)

Un sequestro di marijuana (archivio)

Dice di cercare lavoro, invece cerca clienti per la droga a Jesolo Lido

Un 36enne di origini orientali denunciato con un complice in via Firenze mercoledì con in tasca venti grammi di marijuana da vendere

Il suo volto era molto conosciuto alle forze dell'ordine. Per questo motivo i controlli si sono fatti subito più stringenti. Mercoledì pomeriggio verso le 15 gli agenti del commissariato di Jesolo dalle parti di via Firenze hanno notato due individui scendere in modo guardingo da un autobus alla stazione dei pullman. Come detto, uno di loo è stato subito riconosciuto: si trattava di un 36enne di origini del sud est asiatico con alle spalle diversi precedenti penali essendo stato arrestato più volte per detenzione di sostante stupefacenti ai fini di spaccio. Subito si scopre che l'uomo era sottoposto all'obbligo di firma al commissariato di Marghera per un arresto del 2 febbraio scorso da parte degli agenti del commissariato San Marco.

Vista la situazione, la presenza dell’uomo in città destava ancora più sospetti negli investigatori, che hanno deciso di pocedere a una perquisizione. Nonostante il 36enne continuava a spiegare di essere una brava persona e di trovarsi a Jesolo con l’amico per cercare lavoro, mentre l’amico, 39enne, iniziava a sua volta a comportarsi in modo molto sospetto, poiché continuava a mettersi le mani nelle tasche dei pantaloni. Il motivo è saltato subito fuori: nella tasca destra dei pantaloni del 36enne c'era un sacchettino con venti grammi di marijuana. I due sono quindi stati denunciati per detenzione di droga ai fini di spaccio. L'ennesima per il 36enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento