menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La mappa online degli alberghi di Venezia vince il premio per l'innovazione digitale

Il Comune ha ricevuto il Digitalmeet Award 2017 grazie al progetto che geolocalizza le strutture ricettive: si possono verificare le attività legittime e segnalare irregolarità

Uno strumento "smart" utile ai cittadini così come all'amministrazione: "GeoIDS-imposta di soggiorno" è valso al Comune di Venezia il Digitalmeet Award 2017, il premio per il progetto più innovativo del festival. Il riconoscimento è stato ritirato giovedì sera nella sala dei Giganti dell'università di Padova. La motivazione della giuria? "Aver sviluppato un progetto digitale che favorisce l’alfabetizzazione digitale degli utenti e la promozione di nuovi strumenti in grado di favorire lo sviluppo socio-economico dei territori".
 
Il progetto Geo-IDS è stato realizzato con l'obiettivo di geolocalizzare tutte le strutture alberghiere, extralberghiere e le locazioni turistiche della città di Venezia rendendo disponibile a tutti gli utenti la possibilità di controllare le strutture regolari e registrate ai fini dell'imposta di soggiorno, oltre a poter segnalare eventuali strutture irregolari. Un'idea nata dai funzionari dell'ufficio tributi e realizzata con la collaborazione di Venis S.p.A. Il portale è attivo nel sito del Comune di Venezia dallo scorso 9 giugno e, ad oggi, ha ricevuto più di 10mila accessi e 450 segnalazioni di possibili irregolarità.

 
Il Digitalmeet Award 2017,  promosso da Fondazione Comunica e Talent Garden Padova, è stato ideato per individuare e valorizzare i migliori progetti di innovazione digitale (in ambito business, istituzionale, associativo, etc.). “Un riconoscimento importante – commenta all’assessore ai Tributi, Michele Zuin – che certifica il nostro impegno nel contrasto alle affittanze irregolari e all'evasione dell'imposta di soggiorno”.  Per Luca Battistella, consigliere delegato alla Smart City, è un "premio all'innovazione e alla capacità di realizzare importanti strumenti che migliorino la trasparenza e l'accessibilità ai cittadini. Va ricordato, inoltre, che il Geo-IDS è stato realizzato in open-source e quindi possiamo metterlo a disposizione di altri enti locali che ne facessero richiesta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento