Rientro al Comune dei dipendenti «non giustificato». Attacco dei sindacati

Le sigle Fp Cgil, Csa e Uil Fpl: «Non risultano nuove e indifferibili attività da svolgere in sede. Lo smart working ora funziona». E c'è l'annuncio del ricorso al prefetto

Ca' Farsetti, archivio

Apprendono che alcuni dei dipendenti, lunedì 4 maggio, sono stati richiamati in servizio in sede e passano all'attacco. In una lettera, i sindacalisti Daniele Giordano Cgil, Sergio Berti Csa e Mario Ragno Uil, fanno sapere che «il rientro al Comune di Venezia non è giustificato da nuove e indifferibili attività da svolgere, ancora più dopo le difficoltà iniziali affrontate per far funzionare i progetti di smart working, che oggi stanno procedendo».

Il telelavoro

I rappresentanti spiegano di aver chiesto un incontro, il 30 aprile scorso, al Comune, dando disponibilità anche sabato e domenica, senza aver ricevuto riscontro. «Perché - chiedono - esporre a rischi per la salute lavoratori e utenti negli uffici, quando le attività possono ancora essere svolte da remoto?». Il telelavoro è ancora la modalità privilegiata di svolgimento delle attività, laddove è possibile, secondo il nuovo dpcm valido dal 4 maggio. C'è inoltre ancora una riduzione importante dei mezzi del trasporto pubblico locale, che rende tutto più difficile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'infortunio

«Occorre ricordare - scrivono le sigle - che il contagio da Covid-19 è infortunio e che, come tale, determina un potenziale profilo di responsabilità penale per il datore di lavoro che non adotta misure di precauzione idonee, anche “in itinere”, cioè lungo il tragitto. Ci risulta - affermano - che l’Amministrazione non abbia avuto confronto con i rappresentanti per la sicurezza». Per questo chiedono ai lavoratori di «segnalare quanto accadrà lunedì 4 maggio: dalle mascherine alle distanze di sicurezza, dalla disinfezione delle postazioni alla presenza dei disinfettanti agli accessi», senza escludere «un ricorso al prefetto e alle autorità competenti a tutela della salute dei lavoratori e dell’intera cittadinanza».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Carte false per mantenere in famiglia la licenza di taxi acqueo: denunciati padre e figlia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento