In montagna a cercare funghi, disperso Leopoldo Celegon

Cardiologo di 72 anni, risiede a Castelfranco Veneto (Treviso), ma è originario di Noale. Da ieri non si hanno più sue notizie. Unità cinofila molecolare al lavoro

Da domenica 4 ottobre non si hanno più notizie di Leopoldo Celegon, cardiologo di 72 anni. Originario di Noale, ma residente a Castelfranco Veneto, Celegon era partito da casa ieri mattina, verso le 5, per andare a cercare funghi nei boschi di Cortina d'Ampezzo. Un bastone da funghi e uno zaino, riconosciuti dai familiari come appartenenti a Celegon, sono stati ritrovati lunedì pomeriggio durante le ricerche lungo il torrente Costeana che, 400 metri più a valle, si immette nella diga d'Ajal, ma l'uomo non è ancora stato ritrovato.

Disperso da ieri

Nel tardo pomeriggio di domenica i familiari non l'hanno più visto rientrare e hanno lanciato l'allarme ai vigili del fuoco. L'ultima volta che Celegon si è messo in contatto con la famiglia erano le 9.30 di domenica mattina. Le ricerche sono andate avanti per tutta la notte appena trascorsa nei boschi della zona tra Cortina e l'Agordino, ma del 72enne non sembra esserci traccia.

Ricerche in corso

Il maltempo delle scorse ore ha reso ancora più complicate le ricerche dei soccorritori. La vettura dell'uomo è stata trovata in zona Peziè de Parù ma di Celegon nessuna traccia. Dopo aver prelevato dalla sua casa di Castelfranco alcuni effetti personali, lunedì mattina sta per iniziare la ricerca l'unità cinofila molecolare. Il cellulare dell'uomo non è raggiungibile già da ieri. Leopoldo è alto un metro e 80, pesa una novantina di chili, ha capelli castani e occhi scuri. Chiunque avesse sue notizie è pregato di contattare i carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Perché Venezia era piena di gatti?

Torna su
VeneziaToday è in caricamento