menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Dissequestrate l'azienda dove lavoriamo: non è un pericolo per noi, ci dà da vivere"

Lunedì scorso sigilli posti dai carabinieri su una ditta di lampadari di Camponogara. Il titolare: "Non è vero che non c'è sicurezza". I dipendenti in una lettera: "Come facciamo a vivere"

L'azienda è sotto sequestro dopo un decreto disposto dai carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro di Venezia per "gravi carenze in merito alla sicurezza", ossia presunta mancanza di un sistema antincendio e impianto elettrico non a norma. Nonostante i sigilli, però, il titolare dell'azienda di produzione lampadari di Camponogara finita nel mirino non ci sta. E rilancia: "Non è vero che ci sono carenze - sottolinea - è stata una misura esagerata". A sua disolpa presenta un documento firmato da quattro suoi dipendenti presenti al momento del sopralluogo dei militari: "Si trovavano all'esterno dell'azienda, non all'interno - afferma - nel verbale si legge che sono stati trovati nei luoghi di lavoro cumuli di immondizia, cavi elettrici scoperti a penzoloni e che non venivano usati mezzi adatti alla sicurezza, non è vero". La questione finirà davanti a un giudice, per stabilire chi abbia ragione.

Nel documento firmato dai quattro dipendenti si legge: "Gli scarti erano negli appositi cassonetti di raccolta differenziata all'interno e all'esterno dell'azienda. Non ci sono cavi che possano metterci in pericolo e usavamo scarpe anti infortunistica e guanti per lavorare". La lettera continua: "Tra noi ci sono due apprendisti - si legge - al momento si trovavano all'esterno dell'azienda per caricare scatole su un camion. I due operai invece stavano montando i lampadari. Siamo consapevoli di qualche piccola anomalia nell'azienda, ma non portano al sequestro immediato dell'azienda senza darci la possibilità di lavorare per avere lo stipendio che ci permette di vivere. L'azienda non è un ostacolo per la nostra incolumità". La parola alla magistratura, cui spetterà decidere sull'eventuale dissequestro. Anche se il verbale dei carabinieri parla chiaro e ha prescrizioni precise. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento