Ditec: in 57 perderanno il posto, i sindacati fanno appello a Zanonato

la multinazionale svedese ha deciso di delocalizzare e, in anticipo rispetto all'incontro previsto per settembre, ha già comunicato la sua decisione

I peggiori timori dei lavoratori Ditec di via Pascoli, a Quarto d'Altino, sono purtroppo divenuti realtà. Martedì infatti la multinazionale svedese che stringe i cordoni della borsa, la Assa Abloy, ha deciso delocalizzare: la sua produzione avverrà per la metà in Repubblica Ceca e per metà in Cina. Così si paga di meno. Ma quello che per la società potrà essere un piano vincente, per i 57 lavoratori (su 98 totali) che verranno messi in mobilità si rivela essere un vero dramma, l'ennesimo in questo periodo di crisi.

LE REAZIONI – Inutili anche le ore di straordinario che i dipendenti Ditec avevano incamerato negli ultimi mesi: l'atto di buona volontà non è bastato a far cambiare idea all'azienda, non che qualcuno si fosse illuso. Di certo non i sindacati, che comunque ora si preparano a dar battaglia. Il responsabile Fiom annuncia che la sigla non firmerà mai i licenziamenti e lamenta un eccesso di “arroganza” da parte dell'azienda, che non ha voluto aspettare fino all'incontro previsto per settembre ma ha deciso di tirare dritta, addirittura comunicando la decisione mentre metà fabbrica è in ferie. Ora i sindacati chiedono un incontro con il ministro dello Sviluppo economico Zanonato, nella speranza di trovare un appiglio. Anche i sindaci di Quarto e Roncade, Silvia Conte e Simonetta Rubinato, ora attendono l'incontro con il ministro, nella speranza che la Regione e il governo, assieme, sappiano convincere gli svedesi a non cancellare del tutto la produzione di Quarto.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Venezia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Apre il nuovo supermercato Aldi di Mestre

  • Epilessia: anche nel distretto di Mirano-Dolo c’è una risposta a questa malattia neurologica

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Fermato con la cocaina, in casa un arsenale di armi e esplosivo al plastico

  • Badante si schianta con l'auto: aveva un tasso alcolemico di 3,33

Torna su
VeneziaToday è in caricamento