Attività fisica, mascherine, chiusure domenicali: cosa dice l'ordinanza regionale del 13 aprile

Ecco le nuove regole valide per tutto il Veneto. Consentiti picnic e grigliate, ma solo nella propria proprietà privata e con il nucleo familiare residente

Attività all'aperto (foto d'archivio di Massimo Tommasini)

Riportiamo i contenuti principali dell'ordinanza firmata il 13 aprile 2020 dal presidente del Veneto e valida per tutto il territorio regionale. Alcune novità hanno reso il regolamento leggermente più permissivo rispetto alle norme precedenti. Le misure restano in vigore fino al 3 maggio.

  • Chiusura degli esercizi commerciali (supermercati e alimenti, elettrodomestici, ferramenta, eccetera) nelle giornate di domenica 19, 26 aprile e 3 maggio 2020 e nei giorni festivi del 25 aprile e 1° maggio 2020;
  • i mercati rionali devono adottare un apposito piano comprensivo di perimetrazione, sorveglianza, varco di accesso unico separato da quello di uscita. Altrimenti, sono vietati;
  • negli spostamenti devono essere utilizzate mascherine (oppure "ogni altro idoneo dispositivo per la copertura di naso e bocca"), guanti o gel o altra soluzione igienizzante;
  • obbligatorio uscire di casa da soli, fatta eccezione per l’accompagnamento di disabili e minori di 14 anni; deve essere rispettato in ogni caso il distanziamento sociale di 2 metri;
  • è vietato usicre per chi abbia una temperatura corporea superiore a 37,5 gradi;
  • nei giorni del 25 aprile e del 1° maggio 2020 il picnic all’aperto è autorizzato, ma solo nella proprietà privata e limitatamente al nucleo famigliare residente;
  • è ammesso lo spostamento con ogni mezzo per l’assistenza al parto da parte del genitore;
  • l’attività motoria è individuale e deve svolgersi in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno due metri da ogni altra persona;
  • in tutti i punti di vendita aperti devono essere rispettate le misure di distanziamento di almeno 2 metri, l’utilizzo di guanti e mascherine (se non li ha il cliente deve fornirli il venditore), il mantenimento di un unico accesso contingentando gli ingressi per evitare assembramenti;
  • è ammessa l’attività economica, anche di somministrazione di alimenti e bevande, svolta esclusivamente tramite consegna a domicilio;
  • nell’attività bancaria, delle Poste, assicurativa, degli studi professionali e in ogni altro caso sia possibile, l’accesso della clientela e dei fornitori deve essere programmato mediante appuntamento;
  • i negozi di vestiti per bambini e neonati, le librerie e le cartolerie possono tenere aperto per due giorni alla settimana (non festivi e prefestivi).
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento