menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le foto su Facebook inguaiano Doina Matei, il magistrato per lei revoca la semilibertà

Il magistrato di sorveglianza del Tribunale di Venezia ha sospeso il regime alternativo, in attesa di un'udienza ad hoc. La 30enne uccise Vanessa Russo a Roma con un ombrello

Facebook spesso croce e delizia. Anche in questo caso. Per Doina Matei, l'attuale 30enne condannata a 16 anni di carcere per omicidio preterintenzionale nel 2007 dopo aver ucciso alla metro Termini di Roma l'allora 23enne Vanessa Russo, si riaprono le porte del carcere anche di giorno. Il regime di semilibertà di cui godeva a Venezia è stato sospeso dal giudice di sorveglianza, dopo che sono state rese pubbliche da Il Messaggero le foto che ritraggono la donna sorridente con sullo sfondo il Molino Stucky o in bikini al mare.

Niente di clamoroso, visto che è un diritto di ogni detenuto, nel caso sussistano le prerogative, godere di regimi alternativi alla detenzione. In questi giorni, secondo il Corriere della Sera, la giovane aveva ottenuto anche alcuni permessi per dormire fuori dal carcere della Giudecca, ma tutto è stato cancellato dal giudice, dopo che quelle foto hanno conquistato la ribalta nazionale. I carabinieri della compagnia di Venezia hanno raggiunto la giovane e l'hanno portata in carcere. "Questo è un brutto passo indietro per la mia assistita - ha commentato ai giornali l’avvocato Nino Marazzita, che difende la 30enne - forse dovuto all’effetto del polverone mediatico che si è sollevato sul caso dopo la pubblicazione di quelle foto. Ma la sospensione durerà giusto il tempo di discuterla davanti al tribunale di Venezia dove dimostreremo che fra i divieti non c’era quello specifico dell’uso del social network".

Questo è il punto su cui si dibatterà maggiormente: Doina Matei ha infranto qualche divieto? Il polverone che è esploso in queste ore, in Tribunale sarà solo lo sfondo di un'udienza in cui si parlerà solo della condotta tenuta dalla 30enne romena, definita irreprensibile in questi anni lagunari da coloro che hanno avuto a che fare con lei quando ogni mattina si metteva a lavorare per la cooperativa sociale Il Cerchio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento