Un'Ikea tutta da ridere per aiutare gli alluvionati: l'idea di Doliwood

Al posto di mobili e suppellettili foto di "Stivaj" e "Skoassere", ma su facebook si trovano anche i dati bancari per aiutare chi è "soto acua"

A colpi di risate per aiutare gli alluvionati veneti: così i ragazzi di Doliwood, ormai famosissimi in tutto il Veneziano grazie ai loro “sdoppiaggi” in dialetto di pubblicità e film, hanno deciso di scendere in prima linea e, con il loro modo di fare provocatorio e dissacrante, mettere insieme una campagna di sostegno per chi in questi giorni si è ritrovato (ancora) l'acqua in casa.

UN'ALTRA IKEA – Sulla pagina facebook del gruppo, raggiungibile a questo indirizzo, si trova infatti l'appello di Ciano e di tutti gli altri doppiatori a “dar 'na man”, con tanto di coordinate bancarie per tutti quelli che volessero effettuare donazioni. Per accompagnare l'iniziativa Doliwood ha anche deciso di adattare una delle sue ultime trovate comiche: le foto del catalogo de “l'altra Ikea” che da qualche settimana spopolano sui social network, infatti, hanno virato verso soggetti che i veneziani conoscono molto bene. Ecco quindi che, al posto di tavolini e sgabelli, saltano fuori “Stivaj”, “Sakki”, “Najli” e tutto il kit veneto contro le esondazioni, rigorosamente con il layout originale del colosso del mobile e le scritte in alfabeto svedese. Sul web le immagini sono già un cult, e nel frattempo si “fa musina” anche per una buona causa: ridere non ha mai fatto tanto bene.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 10 gennaio 2021, le previsioni segno per segno

Torna su
VeneziaToday è in caricamento