rotate-mobile
Cronaca Canal Grande

Domenica ecologica anche a Venezia: il 6 aprile stop ai motori

Barche a benzina bandite per un giorno da Canal Grande e canale di Cannaregio, via libera alle regate e ai cortei delle remiere lagunari

Domenica 6 aprile, a distanza di un mese dall'ultimo appuntamento, torna la Domenica Ecologia con la chiusura, a Venezia, del Canal Grande e del canale di Cannaregio a tutte le imbarcazione a motore, mentre in terraferma sarà interdetta l'area centrale di Mestre al traffico automobilistico. La manifestazione è stata presentata lunedì a Ca' Farsetti, con una conferenza stampa, alla quale sono intervenuti gli assessori comunali alla Mobilità e Traffico Acqueo, Ugo Bergamo, all'Ambiente, Gianfranco Bettin, il rappresentante di Assonautica, Gianni Darai, il presidente del coordinamento delle Associazioni remiere di Voga alla Veneta, Giovanni Giusto, il presidente dell'associazione gondolieri, Aldo Reato, e l'esponente di Viva Voga Veneta, Anna Santagiustina.

LUNGO I CANALI - In laguna si inizia alle ore 10, a punta della Dogana, con un corteo acqueo di imbarcazioni a remi o dotate di motore ibrido o elettrico; alle 10.50 si terrà la regata su caorline “Ecologica 2014” che partirà dal monumento verso il bacino di San Marco, mentre alle 12, nella sala consiliare di Ca' Loredan, il sindaco Giorgio Orsoni e gli assessori Bergamo e Bettin, affiancati da esperti, incontreranno la stampa per discutere su “Imbarcazioni a ridotte emissioni, tecnologie ed emissioni”. Servizi di traghetto gratuiti dalle 10 alle 14, e prove di voga organizzate dall'associazione Viva Voga Veneta, dalle 11.30 alle 15, a San Marcuola e a Rialto Mercato.

IN TERRAFERMA - Articolato e ricco di iniziative anche il programma di Mestre. Alle ore 9.30 al parco di San Giuliano si svolgerà la corsa podistica “Mestre va di corsa”. Dalle 10 alle 18, con la chiusura del traffico, in piazza Ferretto saranno allestiti i punti informativi sul CarSharing, BikeSharing e Mobilità Sostenibile, e quello della federazione italiana amici della bicicletta (Fiab). Ma la piazza accoglierà anche i tecnici di Avm per la punzonatura gratuita antifurto della bicicletta (presentarsi con la tessera sanitaria che riporta il proprio codice fiscale a barre che sarà riportato sul telaio). In distribuzione a solo 1,80 euro, Ecobus24, il biglietto che permetterà l'uso, per l'intera giornata, dei mezzi pubblici Actv in terraferma.

I COMMENTI - Ridurre drasticamente il moto ondoso e lo sversamento degli inquinanti, e mirare a una mobilità sostenibile, anche grazie all'utilizzo di imbarcazioni elettriche e ibride, è l'obiettivo di questa amministrazione, ha spiegato Bergamo. Anche per Bettin le sperimentazioni di mobilità acquea che si stanno testando in città sono necessarie alla sopravvivenza di Venezia, puntando su innovazione e tecnologia. Sulla terraferma, Bettin ha precisato: “È cambiato in questi giorni il clima e, cessata la pioggia, sono aumentate le polveri sottili (Pm10) e gli inquinanti nell'aria. C'è una cappa di smog in tutto il nord Italia. Il Piano azione energia sostenibile, le chiusure dell'inceneritore e della centrale a carbone nella zona di Marghera, lo sviluppo delle piste ciclabili sono interventi importanti ma circoscritti. È necessario un tavolo di coordinamento intercomunale e interregionale, coordinato dal ministero dell'Ambiente”. In chiusura, l'appello di Giusto e Santagiustina: “Portate le vostre barche in Canal Grande, riappropriamoci per un giorno della strada più bella del mondo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Domenica ecologica anche a Venezia: il 6 aprile stop ai motori

VeneziaToday è in caricamento