rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Marghera

Meglio in carcere che ai domiciliari con la famiglia: si fa arrestare dai carabinieri

Un tunisino ha preferito le sbarre di Santa Maria Maggiore alle mura di casa sua. Si è presentato negli uffici del Comando di Marghera e ha chiesto l'aggravio della pena

Meglio il carcere che essere costretto a restare in casa. Se normalmente la misura degli arresti domiciliari è considerata più morbida (e preferibile) rispetto alla reclusione vera e propria, non è così per un uomo tunisino di 24 anni, che alla fine è riuscito a ottenere ciò che voleva: andarsene dalla propria abitazione dove viveva con la moglie e il figlio di lei, nato da una precedente relazione. Lo ha fatto, secondo quanto ricostruito, per problemi di convivenza non meglio specificati, evidentemente insormontabili.

La vicenda

Il giovane, come riportano i quotidiani locali, si sarebbe recato nei giorni scorsi alla stazione dei carabinieri di Marghera spiegando il proprio problema: lui ai domiciliari non voleva più starci, meglio la galera. Naturalmente per procedere con l'incarcerazione è necessario che l'indagato compia un reato, ad esempio appunto l'evasione dal regime di detenzione domiciliare: non era quello il caso, visto che si era allontanato da casa nell'arco delle due ore di permesso giornaliero.

Arrestato

I carabinieri glielo hanno spiegato e lui ha eseguito. È tornato al proprio alloggio e lo ha lasciato più tardi, quando non gli era più consentito. Si è presentato nuovamente negli uffici dei militari dell'Arma e a quel punto, inevitabilmente, è stato arrestato per l'evasione. Una volta ottenuta la convalida da parte del giudice, è stato accompagnato a Santa Maria Maggiore, finalmente lontano dalla famigia. A suo carico c'è una condanna a un anno tre mesi per aver fornito un nome falso alle autorità. Ha già scontato quattro mesi ai domiciliari.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meglio in carcere che ai domiciliari con la famiglia: si fa arrestare dai carabinieri

VeneziaToday è in caricamento