menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sessanta orologi donati all'ospedale di Mirano: "I volontari sono i più vicini ai malati"

Lunedì gli operatori dell'associazione Ava li hanno consegnati al reparto di Medicina, affinché vengano distribuiti. Dal Ben: "Ogni giorno danno sollievo e conforto a chi è ricoverato"

La donazione è opera dell'Associazione Volontari Ospedalieri di Mirano (Avo), che lunedì, con la presidente Cinzia Marella, insieme a ottanta volontari ha donato all’Ospedale di Mirano, in presenza del direttore generale della Ulss 3 ,Giuseppe Dal Ben, 60 orologi che verranno posizionati in alcuni reparti ospedalieri. Il primo reparto ad accogliere gli orologi è stato il reparto di Medicina che, dai primi giorni del mese di gennaio 2018 è guidato dal neo primario, il dottor Massimo Puato. “Non è la prima volta – ha detto Dal Ben – che partecipo ad una cerimonia di donazione insieme ai volontari dell’Avo, che è tra le associazioni più vicina ai nostri malati. Ricordiamo, infatti che questi volontari operano quotidianamente e per quasi tutto l’anno (tranne in agosto) in stretto contatto coi nostri sanitari per dare sollievo e conforto a chi è ricoverato. Per questo oggi, nuovamente, l’Azienda Ulss si sente di ringraziare di cuore queste persone: cittadini che hanno stretto con noi una sorta di alleanza per garantire buoni servizi e quindi una buona sanità”.

Avo

È nata all'ospedale di Mirano nel 1994, dopo un atto notarile, ed è entrata in servizio a seguito della convenzione deliberata con l’amministrazione ospedaliera. Opera presso i reparti di medicina, chirurgia e neurologia di Mirano e presso il reparto di lungodegenza a Noale; svolge inoltre un servizio di prima accoglienza in ospedale a Mirano. L’associazione è formata da circa 80 volontari sempre presenti in reparto (mattina e pomeriggio) escluso il mese di agosto.

Ogni anno viene svolto corso di formazione e aggiornamento di cinque incontri. Il volontario diventa tale e gode dell’assicurazione, dopo aver acquisto l’idoneità medica e psicologia. Offre almeno due ore di servizio settimanale, che porta l’associazione a offrire oltre 8000 ore annuali di presenze. Il servizio è totalmente volontario e gratuito. Il bilancio non è in passivo, grazie al contributo del 5X1000, all’elargizione-donazione di ex-pazienti assistiti dagli avosini e al mercatino di Natale. Questi positivi risultati hanno permesso all’AVO di regalare 38 televisori nel 2016 e 60 orologi da parete nel mese gennaio 2018 ai reparti di Medicina, Neurologia e Chirurgia di Mirano per aiutare i pazienti a un miglior controllo delle coordinate temporali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Brugnaro: «Il 24-25 aprile pronti ad aprire tutti i musei»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento