Giovane perde sangue dalla fronte: "Colpita e sequestrata in automobile fino a Sottomarina"

Una 19enne del Padovano è finita al pronto soccorso alle prese con una profonda ferita: "Mi hanno avvicinata a Padova, poi non ricordo nulla". Ma gli amici raccontano una storia diversa

"Sono scesi dall'auto, mi hanno colpita alla testa e mi hanno sequestrata. Mi sono risvegliata a Sottomarina". Queste le dichiarazioni di una 19enne residente a San Pietro Viminario, nel Padovano, che verso le 21.30 di mercoledì è stata soccorsa dagli agenti del commissariato di Chioggia mentre si trovava su un muretto di via Adriatico, all'altezza di un noto stabilimento balneare. Ad attirare l'attenzione della volante in transito sono stati un uomo e una donna che stavano soccorrendo la giovane, che appariva non nel pieno delle sue forze. Sulla fronte un vistoso taglio ancora sanguinante.

"Un'auto grigia, poi non ricordo nulla"

Sul posto è intervenuta un'ambulanza del pronto soccorso clodiense, che ha caricato a bordo la ferita e l'ha trasportata in ospedale. Una volta in grado di raccontare cosa le fosse accaduto, la ragazza ha dichiarato di essere stata avvicinata mentre stava raggiungendo un locale padovano, forse in zona stazione: "A quel punto sono stata affiancata da un'auto grigia a cinque porte e sono scesi due giovani di colore - ha spiegato la 19enne - uno di loro mi ha picchiata, poi mi hanno caricato in auto. Non ricordo altro".

La versione degli amici

La ragazza, che non sarebbe stata derubata di nulla, avrebbe anche spiegato di non conoscere gli aggressori. Una versione diametralmente opposta rispetto a quella fornita dai "soccorritori" della giovane, in realtà suoi amici. Si tratta di un 17enne e di una 37enne sempre residenti nel Padovano. Secondo il minore, la 19enne si sarebbe semplicemente sentita male nel tragitto in auto da Padova a Sottomarina, senza aggiungere molti altri dettagli. L'unico elemento certo per ora è la ferita alla fronte medicata in pronto soccorso, da cui la protagonista della vicenda è stata dimessa con prognosi di dieci giorni. Per il resto le forze dell'ordine cercheranno elementi che possano suffragare l'una o l'altra versione dei fatti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Come cambia da domani il Veneto: regole, restrizioni e cosa si può fare

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Dpcm, quando serve l'autocertificazione in Veneto: il modello ufficiale da scaricare

Torna su
VeneziaToday è in caricamento