menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trovata morta nel suo letto con una ferita all'inguine a Venezia: disposta l'autopsia

Il magistrato indende far luce sulle cause del decesso di una 49enne trovata priva di sensi in una casa di Cannaregio. Sequestrati dai carabinieri alcuni coltelli. Tutte le ipotesi aperte

Trovata priva di vita nel suo letto, il magistrato dispone l'autopsia per far luce sul suo decesso. La tragedia nella tarda serata di sabato in un'abitazione di Cannaregio a Venezia. A indurre il pm a far luce sulle cause della morte una ferita all'inguine della vittima, S.M., una donna di 49 anni. Ancora non è chiaro con cosa possa essere stata inferta. L'allarme è stato lanciato dai coinquilini, i quali hanno allertato il 118. Sul posto sono intervenuti i sanitari, ma i tentativi di rianimazione della donna sono risultati vani.

Al medico non è rimasto altro che constatare il decesso della 49enne, che si trovava coricata nella sua camera da letto. Visto lo scenario, sul posto è stato chiesto anche l'intervento dei carabinieri. Oltre che del medico legale. Come detto, sulla vittima è stato individuata una ferita all'altezza dell'inguine, sulla cui natura sono in corso ancora accertamenti. A un primo esame esterno della salma, non sarebbero stati individuati segni di lotta o di percosse.

Elementi che avrebbero potuto ricondurre il decesso a un'aggressione da parte di terzi. Maggiori risposte potrebbero giungere dall'esame autoptico, già disposto dal magistrato di turno. Allo stato non può essere esclusa alcuna ipotesi. Con ogni probabilità la morte sarebbe stata causata dalle complicazioni legate alla ferita che ha attirato l'attenzione delle forze dell'ordine, anche perché la vittima era affetta da pesanti problemi di salute. Per approfondire le indagini sono stai posti sotto sequestro dai carabinieri alcuni dei coltelli pressenti nell'abitazione, per stabilire con quale strumento sia stata inferta la ferita. E' possibile anche che possa essere riconducibile a una siringa o a qualche altro oggetto simile. I carabinieri hanno raccolto la testimonianza anche dei due coinquilini che hanno lanciato l'allarme. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    A Venezia arrivano i taser per la polizia locale

  • Mestre

    Clienti nel bar a guardare la partita: locale chiuso

  • Incidenti stradali

    Auto esce di strada sulla Romea, traffico bloccato. Un ferito

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento