menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si stende sui binari e si fa travolgere: 43enne di San Donà decide di farla finita

La donna si è suicidato sabato alla stazione di Treviso. Ci sono voluti un paio di giorni per risalire alla sua identità. Alla base del gesto, forse molti problemi famigliari

Un braccialetto, questo il dettaglio che ha permesso agli agenti della Polfer di dare un nome alla donna che sabato scorso ha deciso di farla finita, distendendosi sui binari vicino alla stazione di Treviso, all'altezza del sottopasso di via Ghirada, e attendendo il passaggio del treno. Come riporta il Gazzettino, si tratterebbe di M.R., 43enne di San Donà di Piave.

Una fine tragica, quella della sandonatese, che secondo gli inquirenti, nonostante un'apparente normalità, si stava portando sulle spalle diversi problemi che evidentemente, tutti sommati, hanno agito da miccia. Un trascorso difficile con il marito dal quale si era separata, un rapporto problematico con un nuovo compagno del trevigiano, e a quanto pare anche una situazione difficile da gestire con i figli maggiorenni: questi i vari tasselli che l'avrebbero portata al gesto estremo. Risalire alla sua identità non è stato facile, e solo grazie agli effetti personali raccolti le forze dell'ordine sono riusciti a identificarla e a cercare di capire perché avesse voluto farla finita.

Il suicidio, spiegano gli investigatori, sarebbe stato premeditato. La sua macchina, infatti, è stata trovata parcheggiata e regolarmente chiusa: probabilmente la 43enne aveva fatto visita al compagno a Treviso, prima di dirigersi a piedi verso i binari. Si tratta comunque solo di supposizioni, dal momento che la donna non ha lasciato alcun biglietto né nulla per giustificare il suo gesto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Attualità

Rischia di saltare la prima della scuola media Calvi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento