Si tuffa nuda in laguna poi non riesce più a tornare a riva: la salvano i pompieri

Una turista 35enne, descritta come piuttosto alticcia, non è più riuscita a tornare a riva

Ha deciso di tuffarsi completamente nuda, dopodiché non è più riuscita a tornare a riva. Per lei si sono dovuti muovere sanitari del 118, vigili del fuoco e pure un agente della polizia di Stato che si trovava nelle vicinanze. E' quanto accaduto giovedì pomeriggio verso le 15 nei dintorni dell'isola di San Clemente, quando una donna, descritta come un po' brilla, ha deciso che quello sarebbe stato il momento giusto per togliersi i vestiti e lasciarsi andare a una bella nuotata in laguna. Noncurante dei pericoli e delle condizioni in cui si trovava.

Salvataggio e trasbordo

Non è dato sapere se il fidanzato che era con lei abbia cercato di dissuaderla, fatto sta che da solo non sarebbe mai riuscito a riportare in salvo la compagna, di 35 anni e di nazionalità pare statunitense. A quel punto una squadra di operatori del 115 si è avvicinata all'"obiettivo" e ha caricato a bordo la giovane donna, la quale si trovava in grossa difficoltà per la permanenza in acqua. Dopodiché la "naufraga" è stata trasbordata sull'idroambulanza del 118 per essere trasportata, se le sue condizioni l'avessero reso necessario, al pronto soccorso per un accertamento medico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Visite in casa a parenti e amici: le regole per il Veneto a partire da domani

  • Zaia conferma: «Il Veneto sarà in area arancione»

  • Bozza del nuovo Dpcm: stretta sui bar, punto su visite e scuola

Torna su
VeneziaToday è in caricamento