menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La tiene ferma per 40 minuti salvandole la vita, poi collassa: carabiniere finisce all'ospedale

Il salvataggio domenica pomeriggio in località Dolfina a Cavarzere. Una donna tenta il suicidio gettandosi nell'Adige. I militari fanno una catena umana combattendo con la corrente

Si getta nell'Adige con l'intenzione di farla finita, per motivi personali. Poi, però, ci ripensa. Capisce che sta rischiando grosso, e chiama i carabinieri. Sono stati loro a salvarla, tanto che un militare ora si trova ancora ricoverato in ospedale per lo stress muscolare riportato dopo aver tenuto la giovane donna, non supererebbe i 30 anni, per le braccia. Da dietro. L'ha fatto per 40 minuti, altrimenti tutto sarebbe potuto tradursi in tragedia. E' accaduto in località Dolfina, domenica pomeriggio: sono stati tre gli agenti della stazione di Cavarzere che sono intervenuti, dopo aver ricevuto la segnalazione direttamente dalla diretta interessata. Aveva una gamba incastrata e non riusciva più a mettersi in salvo da sola. Con l'acqua che le arrivava a poco sotto le spalle. 

Una volta sul posto i carabinieri tentano di tirarla fuori, ma l'argine è molto ripido e quella gamba rimane inesorabilmente incastrata. A quel punto formano una catena umana: il primo si posiziona dietro la donna e la prende per le braccia mentre lei si trova di spalle. Un secondo collega lo tiene per la cinta e un terzo fa lo stesso. Rimangono in questa posizione per 40 minuti, fino allo stremo. Altrimenti la donna, piuttosto corpulenta, sarebbe potuta essere trascinata via. 

La svolta solo quando i vigili del fuoco raggiungono la donna con un gommone, caricandola a bordo. Era l'unico modo per riportarla all'asciutto. A quel punto, per il carabiniere in "primissima linea" il collasso: enorme lo sforzo, tant'è vero che si trova ancora ricoverato in ospedale sotto osservazione per sindrome da affaticamento. Per fortuna dopo qualche minuto si è comunque ripreso. Anche un secondo carabiniere ha avuto bisogno di essere trasferito al pronto soccorso, ma poi subito dopo è stato dimesso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento