Per mesi riceve doppie bollette, cittadino di Spinea contro Enel

L'uomo ha iniziato a vedersi recapitare a casa bollette del gas intestate invece alla propria ditta, persino priva di allacciamento

Una vera e propria odissea che si protrae da due anni per un complicato caso di errata e doppia fatturazione di bollette del gas. Protagonista della spiacevole e lunga controversia in corso con Enel Energia Spa è un residente di Spinea, che si è rivolto agli esperti di Adico, l'Associazione Difesa Consumatori, per mettere la parola fine una volta per tutte alla vicenda.

BOLLETTE “EXTRA” - "Tutto è cominciato nel marzo 2012 quando l'uomo, titolare di contratto per la fornitura di gas presso la propria abitazione, ha iniziato a vedersi recapitare a casa bollette del gas intestate invece alla propria ditta immobiliare, ufficio peraltro privo di allacciamento", spiega Adico in una nota. Come se non bastasse con importi spesso discordanti e sempre diversi: una volta duemila euro, un'altra milleseicento, un'altra ancora quasi tremila. E con il rischio di vedersi addirittura richiedere un doppio pagamento.

PROTESTE E LITIGI - "Ad un primo reclamo da parte del cliente - continua l'associazione dei consumatori - Enel Energia ha ammesso il proprio errore, assicurando una tempestiva risoluzione del problema. Nonostante ciò l'uomo ha continuato a ricevere solleciti di pagamento". Dopo l'ennesima protesta, con un primo intervento di Adico nel maggio del 2013, Enel Energia ha nuovamente riconosciuto l'inesattezza ed effettuato “lo storno di tutte le fatture erroneamente emesse”. A quel punto Adico ha fatto notare che persona fisica e ditta andrebbero tenute distinte: “non è corretto l'utilizzo degli importi versati da un'impresa per coprire costi relativi a un privato”. In ogni caso, passano i mesi e la ditta, pur essendosi trasferita a un altro fornitore di energia elettrica, si ritrova ancora a ricevere diffide di pagamento da Enel Energia per la fornitura di gas. Temendo di vedersi addirittura staccare la fornitura di gas per l'utenza domestica l'uomo ha comunque saldato quanto dovuto secondo Enel Energia, ma nel frattempo Adico ha inviato un'istanza all'Autorità per l'Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico per “fare chiarezza sulla condotta contrattuale di Enel Energia Spa”.

I COMMENTI - “Siamo di fronte all'ennesimo caso di un cittadino che si trova coinvolto in una serie di fraintendimenti legati all'erogazione di un servizio. E purtroppo l'esperienza ci insegna che la burocrazia non è mai a favore degli utenti, che addirittura rischiano di pagare più del dovuto – commenta il presidente dell'Adico, Carlo Garofolini – A tutti coloro che si son ritrovati a doversi scontrare con problemi di questo tipo l'invito a rivolgersi ai nostri uffici in via Volturno per ricevere immediata e adeguata assistenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Visite ad amici o parenti in casa: le regole per il Veneto da sabato

  • Cav: due anni di canone Telepass gratuito per i residenti di Venezia, Treviso e Padova

  • Chiude la Coop alla Nave de Vero. Al suo posto potrebbe arrivare Primark

  • Col nuovo Dpcm, dal 16 gennaio il Veneto rimarrà (quasi sicuramente) in area arancione

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 10 gennaio 2021, le previsioni segno per segno

  • Perché il Veneto rischia seriamente la zona rossa dopo il 15 gennaio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento