menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Drone salvavita ancora in volo a Caorle, continua la sperimentazione di Apollo 4

Primo progetto del genere in Italia in ambito sanitario: il dispositivo è in grado di trasportare un defibrillatore e arrivare a punti altrimenti irraggiungibili. Operativo dal 2018

Sarà in funzione a pieno regime dalla prossima estate, ma già in questi giorni sta facendo vedere di cosa è capace. Decollo dalla base sulla spiaggia White Oasis, sorvolo della battigia in lungo e in largo, rilevamenti con strumentazioni GPS per tracciare e valutare le rotte di volo: lunedì pomeriggio Apollo 4, il drone salvavita, è ritornato a volare sulla spiaggia di Levante a Caorle. Tutto come previsto nel periodo di sperimentazione di questo progetto pilota in Veneto e in Italia, volto ad abilitare l’entrata in funzione, appunto, per l’estate 2018.

L’obbiettivo, più nel dettaglio, è omologare il drone dell’Ulss4 per il sorvolo e l’atterraggio in zone definite “critiche”. Alla fase di test hanno presenziato personale dell’azienda Ulss4, personale di Caorlespieggia e di “Dronebase” che ha appositamente realizzato il velivolo per il trasporto di un defibrillatore semiautomatico. Apollo 4 è dunque il primo progetto sperimentale in Italia ad impiegare un drone in ambito medico-sanitario per salvare la vita alle persone e, ottenute le rispettive autorizzazioni, da inviare in zone difficilmente raggiungibili dai mezzi di soccorso.

Realizzato in struttura di carbonio, provvisto di scatola nera e di telecamera ad elevata risoluzione, Apollo 4 utilizza 4 motori potenziati per acconsentire il trasporto di un defibrillatore ad una velocità di circa 45 chilometri orari (limitata da software); ha un peso di 3,9 chili in ordine di volo, è alimentato da batterie ricaricabili e fornito di un sistema di guida GPS a tripla ridondanza; può volare sino a 2000 metri d’altezza massima dal suolo e in condizioni di vento sino a 30 chilometri orari. Ogni missione viene gestita attraverso l’utilizzo di un telecomando remoto con integrato a un tablet che garantisce in tempo reale le traiettorie e la visualizzazione istantanea del volo attraverso la proria mini telecamera.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento