menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il drone "insegue" gli abusivi da 150 metri: sequestrata merce per 25mila euro

Operazione di polizia locale e guardia di finanza. Nuova strumentazione per la Municipale di Bibione per il contrasto all'abusivismo sul litorale

Operazione congiunta tra la guardia di finanza di Portogruaro e la polizia Locale di Bibione per il contrasto al commercio abusivo. Un servizio che ha portato al sequestro di circa 600 pezzi, tra cui 150 borse contraffate. Circa 25mila euro il valore commerciale della merce requisita agli abusivi sul litorale. L'operazione ha visto l'impiego per la prima volta nella località del litorale, e con tutta probabilità è la prima esperienza a livello nazionale su una spiaggia con un sequestro così cospicuo - di una novità tecnologica usata per questo servizio di polizia: un drone professionale.

Il drone "insegue" gli abusivi

Il drone, secondo le indicazioni ricevute dal personale della polizia locale, ha sorvolato la pineta e la spiaggia di Bibione individuando un nutrito gruppo di venditori che, una volta scesi dall'autobus, si sono portati in un luogo nascosto della pineta, ma ben visto dall'occhio elettronico del drone. Da un'altezza di circa 150 metri il drone ha iniziato a trasmettere in diretta agli agenti della polizia locale e alla guardia di finanza quanto stavano facendo i venditori che, dopo aver recuperato numerose borse nascoste in pineta, hanno iniziato ad applicarvi marchi contraffatti per poi spostarsi in spiaggia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sequestri

Qui sono scattati i controlli degli agenti che hanno spinto i venditori a rientrare in pineta, sicuri che nella folta boscaglia nessuno avrebbe potuto intercettarli. Ignari del nuovo "investigatore tecnologico" che li stava seguendo dall'alto, il drone ha localizzato i fuggitivi che sono stati poi fermati dal personale delle "fiamme gialle" e della Municipale. L'utilizzo del drone rientra nel progetto ideato dal comandante della polizia locale di Bibione, Andrea Gallo, e presentato dall'amministrazione comunale di San Michele al Tagliamento al Ministero degli interni, nell'ambito del progetto "Spiagge Sicure 2018", ottenendone subito l'approvazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento