menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I carabinieri trovano più di 2 chili di cocaina in casa: due arresti

Operazione dell'Arma, guidata dalla Procura, che si collega a quella che ha portato a 6 arresti negli scorsi mesi. In manette un uomo di Marcon e uno di Mogliano

Operavano a cavallo di due province, e a giudicare dalla quantità di cocaina ritrovata nelle loro abitazioni, il loro giro doveva essere piuttosto cospicuo. I carabinieri di Marcon hanno arrestato due spacciatori albanesi, T.A., 40enne residente a Marcon, e D.R, 32enne di Mogliano (Treviso), per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

L'intervento è la naturale prosecuzione delle indagini partite lo scorso luglio, che nel corso dei mesi hanno portato all'arresto di 6 spacciatori. A seguito di ulteriori accertamenti, la Procura ha disposto due decreti di perquisizione domiciliare nei confronti dei due cittadini albanesi, fortemente sospettati di tenere le fila di una piccola rete di spaccio con diversi tratti in comune con quelle già smantellate ad alcuni "colleghi" finiti in carcere.

Due chili di cocaina in appartamento a Marcon

La prima perquisizione a Marcon ha fatto subito a capire ai militari che il business era molto più fiorente del previsto. All'interno dell'abitazione, infatti, il fiuto dei cani della polizia locale di Venezia ha permesso di risalire a oltre 2 chili di cocaina, che immessa sul mercato avrebbe fruttato circa 200mila euro, oltre a 2 etti di hashish e tutto l'occorrente per preparare le dosi (bilancini, sacchetti) e gestire i contatti. I carabinieri hanno anche trovato 1600 euro in contanti, sequestrati perché ritenuti provento dell'attività illecita di spaccio, e denunciato la moglie 27enne dell'uomo, accusata di essere complice dello spaccio.

Ma le sorprese non sono mancate nemmeno nell'appartamento del "sodale" di Mogliano. I cani del Nucleo cinofilo, in questo caso, hanno trovato 100 grammi di cocaina, nascosti all'interno della pancia di due peluche sistemati sopra ai letti nella cameretta dei bambini. In casa sono stati trovati anche 2500 euro in contanti e il kit del perfetto spacciatore.

Al termine delle formalità di rito, i due cittadini albanesi sono stati quindi arrestati: il moglianese si trova ai domiciliari, mentre il marconese è stato condotto in carcere a Santa Maria Maggiore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento