Memoria, due nuove pietre d'inciampo a Chioggia

Saranno posate sabato mattina in memoria di Giusto Grego e Giulio Bergo Oro

Due nuove pietre d'inciampo a Chioggia. Dopo quella posta un anno fa in piazzale Poliuto Penzo per onorare la memoria di Guido Lionello, quest'anno, fra i 32 internati chioggiotti morti nei campi di concentramento, il comitato Anpi, in collaborazione con l'amministrazione comunale, ha scelto di ricordare la memoria di Giusto Grego e Giulio Bergo Oro. La cerimonia di posa è prevista per sabato, alla presenza dell'artista tedesco Gunter Demnig, che da oltre 20 anni gira l'Europa per sedimentare al suolo piccole lastre di ottone sopra i sampietrini, con indicati i nomi delle persone deportate nei lager nazisti e che non hanno fatto più ritorno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due chioggiotti

Grego, motorista nella Regia Marina, era nato a Cavanella d'Adige nel 1915 e deportato dopo l'8 settembre 1943 nel lager nazista di Zehelendorf. Morì il 23 aprile 1945, a pochi giorni dalla fine del conflitto, quando una guarnigione tedesca riprese possesso di un campo già in via di liberazione da parte dei sovietici, separò gli italiani dagli altri e ne uccise 127 in una cava non distante da Treuenbrietzen. Bergo Oro, invece, era un sergente nocchiere della Marina, nato a Catania nel 1919 e imbarcato nella nave scuola Marco Polo. Fatto prigioniero dai tedeschi sul fronte greco il 9 settembre 1943 ed internato nello Stalag XII A di Limburg an der Lahn, fu poi decentrato al Comando di lavoro 1525 di Weinheim, quindi trasferito allo Stalag XX B di Marienburg e fucilato a Bydgoszcz, in Polonia, il 17 agosto 1944.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • Nuove restrizioni “leggere” in Veneto: ordinanza all’orizzonte

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Blitz della polizia al centro sociale Rivolta di Marghera

  • Tamponamento e incendio in autostrada A4: tratto chiuso e code

  • Coronavirus, i numeri di oggi in Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento